Passa ai contenuti principali

Vincere il nemico sottile.

Ri-pubblichiamo questo post da iconicon.it. Vale veramente la pena di leggerlo.


Nei mesi che verranno ognuno di noi sarà chiamato ad una invisibile sfida, una battaglia sottile che si giocherà nel profondo della sua anima.
Gli effetti dello svolgimento di questa battaglia saranno poco appariscenti all’occhio altrui: solo osservando attentamente infatti chi ci conosce bene potrà vedere qualcosa di diverso nei nostri comportamenti, lievi sfumature nei nostri gesti, sguardi, posture e atteggiamenti.
Ma quello che accadrà alla fine della battaglia sarà visibile in modo chiaro ed inequivocabile a tutti.

Perché il nemico che combatteremo in quella battaglia sottile è il più importante di tutti.
Il suo nome è Paura Originaria.
Un nemico perfetto, infinitamente piccolo, tanto da essere virtualmente invisibile, ma infinitamente potente, poiché così efficiente da espandersi in un battere di ciglio da un nulla oscuro fino a tutti gli atomi del nostro corpo.
Un nemico prolifico, che dalle buie retrovie della nostra coscienza ha generato mille paure figlie, che abbiamo chiamato in altrettanti mille modi, e che popolano il nostro paesaggio emozionale, occupando progressivamente il nostro spazio di vita.
Conosciamo poco il nostro nemico, ma c’è qualcuno che lo conosce infinitamente meglio di noi.
Conosce le sue regole, i principi che osserva, gli accordi che rispetta. Ha stretto con lui un patto, sin dalla notte dei tempi. E ha lavorato fino a questo momento insieme, a stretto contatto con lui ogni maledetto istante della nostra vita per impossessarsi di tutta la nostra anima.
Ha costruito il terreno fisico su cui il nostro nemico può radicarsi, distruggendo l’unità e la pulizia del nostro habitat.

Ha costruito il terreno sociale, una rete di regole ingannevoli che ci ha condotto per mano alla totale solitudine interiore e all’antagonismo con i nostri simili: siamo stati incoraggiati ad espandere le nostre invidie, vendette, violenze, prevaricazioni e sfruttamenti, quando da soli non l’avremmo fatto.

Ha infine costruito il terreno di sentimenti ed emozioni fittizie, fatte di nebbia ed ologrammi, per alimentare il nostro nemico fino a trasformarlo in una buia voragine in cui tutto precipita.
La babele in cui viviamo è edificata col cemento più potente, il patto di sangue con quel nemico che finora abbiamo stentato ad individuare.

Ma la luce, con un raggio di candido e perfetto nitore, è risalita fino alle origini ed ha illuminato quei recessi dove il nostro nemico si era da sempre nascosto, sicché ora lo possiamo vedere distintamente.

Un oscuro universo contratto in un singolo punto, infinitesimamente piccolo.
Se abbasseremo la guardia, lasciandoci travolgere dalle nostre emozioni, che gli alleati del nostro peggior nemico sanno suonare come tasti di pianoforte, diventeremo minuscoli e immenso al contrario diverrà il nemico, come già troppe volte è accaduto.

Ma se lo guarderemo con fermezza e, certi di noi stessi, decideremo che dal nulla esso è venuto e nel nulla ritornerà, cadrà per sempre e cadranno con esso le paure figlie, che immense ci appaiono nello spazio della nostra vita, ma solo per l’antico e raffinato inganno alle nostre spalle perpetrato.
Questo è ciò che accadrà nei mesi che verranno.

Vinceremo la battaglia prima nella mente per poterla vincere poi anche nella materia.

Jervé

Commenti

Post popolari in questo blog

Progetto Mondo Migliore, benessere economico o la Sola Rivoluzione?

L'evoluzione della sperimentazione umana passa attraverso l'ampliamento della coscienza, la consapevolezza della situazione in cui ci troviamo e la sua trasmutazione nella nuova creazione.
Questo post vuole proporre una prospettiva allargata in cui collocare il significato del progetto Mondo Migliore. Quali i suoi motivi di fondo? Come si inserisce nell’attuale contesto di evoluzione dell’umanità? Quali i suoi possibili esiti?

Una prospettiva gnostica allargata
Mi servirò della metafora gnostica per aiutarmi a descrivere la attuale condizione della incarnazione umana.
In questa metafora la terra, intesa come ambiente di sperimentazione della realtà, fu creata da Sophia, un ‘Eone’, ovvero una emanazione diretta della Sorgente. La Sorgente per essere tutto e completa, non può differenziarsi da Se Stessa, ma, per il suo amore creativo, si immagina, pensa, a qualcosa di diverso da Sé, generando, in prima istanza, gli Eoni, sue dirette emanazioni.
E proprio da un pensiero di questo Eo…

BENJAMIN FULFORD: La mafia khazariana cerca protezione cinese, in lontananza si profilano i Tribunali Militari

Il WDS ha ribadito la sua posizione secondo cui un giubileo è l'unica risposta.


ARTICOLO COMPLETO

Q 6 ottobre 2018

They want you DIVIDED.
DIVIDED by RACE.
DIVIDED by RELIGION.
DIVIDED by CULTURE.
DIVIDED by CLASS.
DIVIDED by POLITICAL AFFILIATION.
DIVIDED YOU ARE WEAK.
TOGETHER YOU ARE STRONG.
This movement challenges their ‘forced’ narrative.
This movement challenges people to not simply trust what is being reported.
Research for yourself.
Think for yourself.
Trust yourself.
This movement is not about one person or a group of people.

12 OTTOBRE 2018 DI FRANCO REMONDINA Aaah.. ecco cos’era…

Ecco cosa era l’incontro del governatore della BCE con il nostro (nostro???) Caccarella: la fine dell’euro! In pratica Draghi ha detto: non vi aiutiamo in caso di crisi! Cosa significa? Che, a meno di “IMPEGNARCI” in una nuova MANOVRA STILE MONTI, la BCE non darà liquidità! Ecco cosa è


ARTICOLO COMPLETO

Liberata la Rai: Sottratta alle oligarchie finanziarie. E’stato dato al popolo quello che è del popolo. (di Francesco Amodeo)

Quel cecchino non ci perdeva mai di vista. Col viso coperto dal passamontagna disteso sul tetto dell’Hotel Marriott di Copenaghen seguiva dall’alto ogni nostro passo.


ARTICOLO COMPLETO