Passa ai contenuti principali

Il Cambiamento - Le due pubblicità

adambowie - flickr - CC licence
Fino agli anni novanta, le pubblicità si basavano fondamentalmente sul creare nel fruitore un senso di appagamento e benessere. Il messaggio di base era: hai un problema? se acquisti questo lo risolvi. Oppure: se acquisti questo ti sentirai meglio o sarai più considerato e importante.

A partire dagli anni novanta si è introdotto un nuovo approccio alla motivazione all'acquisto che è il seguente: se non vuoi che ti succeda questo e quest'altro evento negativo, acquista il mio prodotto /servizio. Se non vuoi sentirti meno, inutile e insignificante, acquista.
Quindi dall'acquisto per felicità all'acquisto per paura.
Facile fare associazioni con i concetti di uso della paura per il controllo delle masse. La paura è il più vecchio mezzo di controllo del mondo. Basta pensare a cosa ci dicevano da piccoli, e cosa diciamo noi ai nostri figli per ottenere ubbidienza.

Ora, anche i messaggio che hanno a che fare con il cambiamento e le canalizzazioni talvolta hanno in loro entrambe le componenti. Se la gran maggioranza tendono ad elevare, molti contengono elementi che, se non visti dalla giusta prospettiva, possono creare paura o sconcerto, contribuendo a  generare l'abbassamento di "vibrazioni", ovvero lo stato di paura che mantiene saldamente ancorati alla realtà come la conosciamo, legato al giudizio, alla sofferenza e alla percezione del male.
Senza pensare alle esagerazioni che hanno fatto il successo dei siti puramente 'complottistici', nei quali chi è cresciuto e vive nella paura (ed è la condizione normale dello stato dualistico egoico), vuole addirittura cercarla quasi ne fosse dipendente (lascio agli psicologi l'interpretazione di questo comportamento).

Se l'approccio da auspicare, che è quello legato all'ascensione/risveglio, è il primo, probabilmente nella fase di transizione sarà la nostra interpretazione che deciderà del significato dei singoli messaggi / news: se verso l'abbassamento delle vibrazioni o verso l'elevazione (fino alla percezione della unità con il Tutto).

Commenti

Post popolari in questo blog

Il pensiero positivo espande, quello negativo distrugge. Vediamo perchè e cosa significa.

La materia apparentemente risponde solo alle leggi fisiche, ma in realtà tutto viene creato dal pensiero. La materia ha una grossa inerzia al cambiamento e questo fa percepire la apparente ininfluenza del pensiero su di essa. In realtà tutto è creato dal pensiero anche se ci vuole del tempo per manifestarlo.Quando emettiamo o chi ci circonda emette dei pensieri negativi stiamo di fatto utilizzando lo strumento di distruzione della creazione che si manifesta nella materia come un senso di riduzione del se. Tale riduzione non si manifesta immediatamente a livello fisico anche se con il passare degli anni questi pensieri negativi possono portare a un impoverimento della efficienza anche del nostro corpo fisico. Avrete sentito parlare dei cosiddetti iettatori o menagrami, in effetti con uno specifico pensiero negativo unito a volte a specifiche tecniche e ad una intensità particolare può portare reali conseguenze nel mondo fisico.L'opposto di tutto questo è il pensiero positivo, l'…

BENJAMIN FULFORD: Società segrete, servizi segreti e religioni: l'attuale equilibrio di potere

La guerra segreta per il pianeta terra si è intensificata e si avvia verso una sorta di climax.


ARTICOLO COMPLETO

BENJAMIN FULFORD: Storia segreta del Mondo dal 2000 al 2018

Gli asiatici fondarono un gruppo di alleati occidentali che divenne la cosiddetta White Dragon Society (WDS). Questo gruppo comprende persone di alto livello nel Pentagono, la CIA, l'FSB russo, la famiglia reale britannica, la massoneria, la Loggia P2 Vaticana , ecc.


ARTICOLO COMPLETO

Nino Galloni: “Siamo quattro milioni di eroi”.

“Come è possibile che si parli di crisi se non c’è nessuna scarsità reale delle risorse produttive, delle materie prime, dell’approvvigionamento, dei prezzi, dei costi e delle quantità nell’economia globale? Noi “crediamo” che ci sia una crisi, ma la crisi è solo una crisi di cons


ARTICOLO COMPLETO