Passa ai contenuti principali

Negoziati per la resa della Cabala e proposta di Drake

Avevamo pensato di ridurre la sezione news a sole notizie brevi da collocarsi in una pagina secondaria, dato che questo blog si occupa principalmente di ciò che ha attinenza con il cammino spirituale, ma la notizia che sta circolando nella rete ci ha fatto cambiare idea. 
Inoltre abbiamo sempre notato come i post attinenti a Drake suscitino sempre molto interesse. 


Da più fonti è segnalato che sono in corso trattative con 'la Cabala' per evitare che la resa si svolga in modo cruento, con conseguenze non piacevoli per tutte le parti.


Iconicon.it ci propone la traduzione dell'annuncio dato da Cobra su portal2012.blogspot.com, che annuncia un sondaggio di Drake al riguardo.


I dettagli sono nel post a QUESTO LINK.


Se siete interessati al collegamento di queste vicende con l'ambito spirituale potete leggere le pagine nei link posti in questo blog in alto nella colonna di destra, in particolare L'inizio dei giochi.



DAY OF LIGHT: negoziati per la resa della Cabala:
Chi ha perso interesse, speranza e pazienza rispetto al tema degli arresti di massa potrà, anzi dovrà ritornare sulle sue posizioni ben presto. Il termine per l’accadimento manifesto di ciò che su queste pagine abbiamo chiamato BIG ONE – Planetary Event si è spostato in avanti nel tempo molto più del previsto, poiché la resistenza della fazione criminale che regge occultamente le redini del mondo è stata al contempo strenua e sgusciante.
Malgrado vi fosse a monte una pianificazione meticolosa e multidisciplinare dell’immensa operazione, per poter dare luogo nel ristretto intervallo di pochi mesi ad una imponente serie di cambiamenti della nostra realtà secondo una progressione già collaudata in altre operazioni analoghe, la criticità, complessità e particolarità del caso riguardante Gaia, il nostro pianeta, ha fatto sì che i termini di inizio delle operazioni aperte, ossia con copertura mediatica mainstream, siano slittate oltre la data inizialmente predisposta nella tabella di marcia.
Ricordiamo che da qui a Dicembre il processo che abbiamo imparato a chiamare Ascensione comporta moltissimi progetti da portare a compimento per la popolazione della Terra, ed il tempo stringe.
Ma una novità molto più che promettente viene da Cobra 2012 Portal, che ci parla di una resa negoziata della Cabala che si profila all’orizzonte. Fondamentale sottolineare a questo punto che un epilogo non sanguinoso di questa vicenda globale può essere stato reso possibile, se viene confermata questa opzione, dall’innalzamento del livello di consapevolezza complessiva, ossia del livello della Luce nella popolazione, nei nostri animi, e molto hanno fatto le focalizzazioni collettive in cui grande energia è stata posta nei piani sottili per spostare immensi e delicati equilibri da uno stato ad un altro.
Anche da fonti canalizzate come Sheldan Nidle l’opzione di una resa negoziata sembra essere a portata di mano: quindi se così è millenni di buio stanno per finire davvero.
Ecco qui di seguito il messaggio di Cobra. Ed alla fine un concept video dal titolo “Day of Light” che abbiamo preparato per accompagnare questa fase cruciale della nostra esistenza, che ci porterà a provare una gioia mai prima sperimentata.
Il Giorno della Luce si profila all’orizzonte. Buona lettura e buona visione.
Jervé

Breaking News: NEGOZIATI per una resa pacifica della CABAL

Drake vuole che “il popolo” voti su una proposta su come the Dark Cabal/Banking Families debbano arrendersi e a quali condizioni. Quali sono le nostre richieste?
Le opzioni sono di avere una vera e propria guerra, con violenza nel prendere le famiglie di banchieri oppure un negoziato con la cabala per una transizione pacifica alla libertà.
Voi (il popolo) volete una guerra? In tal caso i militari/civili dovranno combattere i mercenari e lealisti della Cabala/Bankers.
Molti da entrambi i lati della lotta sarebbero morti o feriti.
Entrambe le parti vogliono transizione senza guerra o violenza. Una proposta deve essere scritta in modo che una transizione pacifica possa accadere.
Maggiori informazioni qui:
Verrà postata una dichiarazione ufficiale da parte del Movimento di Resistenza su questo non appena avremo Intel, ossia nelle prossime 12 ore o giù di lì.


Commenti

Post popolari in questo blog

Il pensiero positivo espande, quello negativo distrugge. Vediamo perchè e cosa significa.

La materia apparentemente risponde solo alle leggi fisiche, ma in realtà tutto viene creato dal pensiero. La materia ha una grossa inerzia al cambiamento e questo fa percepire la apparente ininfluenza del pensiero su di essa. In realtà tutto è creato dal pensiero anche se ci vuole del tempo per manifestarlo.Quando emettiamo o chi ci circonda emette dei pensieri negativi stiamo di fatto utilizzando lo strumento di distruzione della creazione che si manifesta nella materia come un senso di riduzione del se. Tale riduzione non si manifesta immediatamente a livello fisico anche se con il passare degli anni questi pensieri negativi possono portare a un impoverimento della efficienza anche del nostro corpo fisico. Avrete sentito parlare dei cosiddetti iettatori o menagrami, in effetti con uno specifico pensiero negativo unito a volte a specifiche tecniche e ad una intensità particolare può portare reali conseguenze nel mondo fisico.L'opposto di tutto questo è il pensiero positivo, l'…

BENJAMIN FULFORD: Società segrete, servizi segreti e religioni: l'attuale equilibrio di potere

La guerra segreta per il pianeta terra si è intensificata e si avvia verso una sorta di climax.


ARTICOLO COMPLETO

BENJAMIN FULFORD: Storia segreta del Mondo dal 2000 al 2018

Gli asiatici fondarono un gruppo di alleati occidentali che divenne la cosiddetta White Dragon Society (WDS). Questo gruppo comprende persone di alto livello nel Pentagono, la CIA, l'FSB russo, la famiglia reale britannica, la massoneria, la Loggia P2 Vaticana , ecc.


ARTICOLO COMPLETO

Nino Galloni: “Siamo quattro milioni di eroi”.

“Come è possibile che si parli di crisi se non c’è nessuna scarsità reale delle risorse produttive, delle materie prime, dell’approvvigionamento, dei prezzi, dei costi e delle quantità nell’economia globale? Noi “crediamo” che ci sia una crisi, ma la crisi è solo una crisi di cons


ARTICOLO COMPLETO