Passa ai contenuti principali

Trascendere il pensiero

NASA Goddard Photo and Video - flickr - CC licence
Spesso si utilizza il termine di 'minoranza consapevole', soprattutto in riferimento alle persone che sono a conoscenza delle scie chimiche, del sistema dell'elite bancaria, degli utilizzi della moneta e del debito come sistemi di coercizione sociale, e della manipolazione della politica.

Per essere di valore queste consapevolezze devono comunque mantenersi in un ambito di razionalità per non scadere nella pura contrapposizione o nel seguire teorie non verificate e spesso diffuse con secondi fini.

Possono anche essere accompagnate da fini etici, dal desiderio e dall'effettivo impegno per cambiare queste situazioni delle quali si soffre.

Ma la consapevolezza inizia e finisce con questo?



La consapevolezza, nella sua piena realizzazione, è la consapevolezza della Verità, ovvero di cosa o chi si è veramente.

Culturalmente siamo stai abituati e profondamente condizionati a considerare queste domande come 'dubbi esistenziali', eterni travagli che ci accompagnano per tutta la vita senza risposta.

Questo condizionamento fa parte di quel meccanismo o sistema che ci tiene intrappolati nella attuale percezione della realtà, fatta indubbiamente di conflitto e problemi.

In realtà è possibile dare risposta a queste domande.

Come?

L'interpretazione della realtà, che è poi quello che noi chiamiamo 'mondo reale', dipende da quello in cui noi ci identifichiamo. Ci siamo identificati per millenni con la nostra mente, con l'idea che abbiamo di noi stessi, tanto fortemente da arrivare a concludere che noi siamo i nostri pensieri, noi siamo i realizzati, i delusi, i conformisti, i ribelli, gli innovatori, gli intellettuali eccetera, eccetera, noi siamo il pensiero che abbiamo di noi stessi.

La scienza, (un caso?), negli ultimi secoli ci ha poi convinto che non siamo altro che un prodotto di reazioni chimiche, che per uno strano fenomeno di complessità si sono rese coscienti di se stesse.
In verità la coscienza non è mai stata spiegata a fondo dalla scienza, che, contrariamente a quanto dovrebbe, si mostra conservativa quando incontra qualcosa che non rientra nei propri postulati.
Ultimamente, comunque, anche la scienza ha abbandonato questi paradigmi, basta pensare alle teorie quantistiche, nelle quali l'osservatore è causa della determinazione della realtà.

La verità è che noi siamo essere, puro essere cosciente di se stesso. Siamo coscienza pura al di là del nostro pensiero.

Il potere che è in questo è il vero potere, non quello immaginato dal nostro pensiero in questo momento, ma il potere della creazione, della Sorgente.

Raggiungere la percezione vera di questo, viverlo, è la vera consapevolezza.

Due sono gli strumenti di cui siamo dotati per raggiungere la piena consapevolezza: la sofferenza o l'evoluzione senza sofferenza.

Il disagio, la sofferenza, sono quelli che, fino ad ora, hanno spinto alla ricerca del cambiamento, a cercare un senso alla sofferenza, e ad agire per porvi fine.

L'acquisizione della consapevolezza senza sofferenza è l'opportunità che fa la differenza in questo momento, e ci fornisce uno strumento gioioso per il solo cambiamento possibile.
oltre12.net

kiuko - flickr - CC licence


articolo di http://salusaitaliano.blogspot.it/

Commenti

Post popolari in questo blog

oltre12 segnala: Arrestata la mafia Khazariana: alle centinaia di arresti sauditi ne seguono centinaia negli USA

Il fatto è che la maggior parte dei politici di Washington, DC, si sono arricchiti nel momento in cui hanno iniziato a fare politica, in modi tali, che non possono essere giustificati nemmeno remotamente con i loro stipendi.

ARTICOLO COMPLETO - fonte

Nello stile di IO-SONO. "Giudice Anna Von Reitz": Private corporation di servizi governativi che si propongono come governi.

sezione Trasmutazione
Il portare alla consapevolezza quello che, anche se non apertamente visibile, fa pienamente parte della nostra realtà, è uno strumento per conoscere Chi Siamo e cosa vogliamo Creare.



Bill di American Kabuki, ci porta all'attenzione quanto scritto lo scorso 7 Aprile 2015 dal "Giudice Anna Von Reitz" (anche chiamata Anna Maria Riezinger), che evidentemente conosce e interpreta i meccanismi legislativi dietro le "private corporazioni di servizi governativi". Invito ognuno a verificare in prima persona le sue interpretazioni.

In rete non sono molte le informazioni che riguardano Anna Von Rietz, anche se pare legata alla Supreme Court di Big Lake Alaska. Non sono riuscito comunque a trovare un elenco ufficiale di giudici che la riporti.

In fondo al post (nel quale traduco parzialmente quanto scritto da Judge Anna) i riferimenti al, citato nel seguito, 'Paradigm Report' e inoltre ad altri scritti di Anna Von Rietz.
oltre12.net
Audio video …

Bitcoin e criptovalute: un'altra forma di denaro o una tecnologia rivoluzionaria che potrà, per la prima volta, liberare l'umanità dal sistema finanziario centralizzato?

Bitcoin, criptovalute, basate sulla tecnologia blockchain.


L'innovazione che portano è rivoluzionaria.
Difficile comprendere la portata della innovazione che la tecnologia 'blockchain' sarà in grado di portare all'umanità.
E' un cambio di paradigma.


Nel mondo attuale tutto è gerarchico. Per la maggioranza è difficile pensare a un mondo senza autorità centralizzata, senza una gerarchia di governo che va dai comuni e risale, sempre più su fino alle organizzazioni mondiali. Difficile, se non impossibile, pensare a una educazione non normata dall'alto, ad una politica che non abbia organismi centrali, all'assenza di autorità centralizzata religiosa, militare, o finanziaria.
Tutto questo è stato voluto, implementato, inculcato nelle nostre menti fin dalla nascita da chi ha creato l'umanità come un proprio allevamento. Sapientemente.


La blockchain non è anarchia, è un altro modo, efficace, puntuale, di coordinare le persone, ma in modo decentralizzato, senza aut…

oltre12 segnala: L'epurazione dei mafiosi Khazariani si intensifica mentre Trump è al sicuro in Asia

In Medio Oriente, Hezbollah legato all'Iran ora amministra effettivamente il Libano dopo che il primo ministro saudita Saad Hariri è stato costretto a dimettersi.

ARTICOLO COMPLETO - fonte

oltre12 segnala: 2 NOVEMBRE 2017 DI FRANCO REMONDINA: PER TUTTO IL RESTO C’E’ MASTERCARD

Se prima era una scelta, ora è diventata un obbligo. Cosa? La politica militare di intervento! E’ un argomento che non vi raccontano in tv.

ARTICOLO COMPLETO - fonte