Passa ai contenuti principali

Il CICAP sta per chiudere

Con 'velata ironia', e tanto di requiem finale, Jervè di iconicon annuncia la prossima chiusura del CICAP, baluardo del iper razionalismo.

Il CICAP sta per chiudere:
Il vento sta proprio cambiando per gli argomenti un tempo definiti “non scientifici”: il cosiddetto CICAP, o Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale, è a corto di sostenitori e sta per chiudere i battenti.

Fortemente voluto da Piero Angela, alfiere della divulgazione scientifica per famiglie, quella “zuppa” di conoscenze appositamente confezionata per guidare la formazione dei concetti relativi alla scienza nella massa della popolazione, il CICAP è attivo dal 1989 e si vanta di aver smascherato molti imbroglioni e truffatori valutando il loro operato e le loro affermazioni secondo un metodo definito “scientifico”.

Ma la scienza sta cambiando sotto i nostri occhi giorno per giorno a velocità impressionante, i confini della dottrina scientifica classica paiono ormai molto più che angusti, quello che un tempo era giudicato fuori dalla scienza ora è giudicato dentro un sapere che diviene sempre meno ingessato e fermo, sempre più fluido, multiforme e affascinante, il pubblico partecipa, persino malgrado i pesanti brainwashing televisivi, a questa evoluzione del concetto stesso di scienza, pertanto la conseguenza pratica è che la gente ritiene ora l’attività del CICAP sempre più superata e non si iscrive più, sostenendo finanziariamente l’organizzazione.

Poiché siamo abituati ad augurare sempre il meglio a tutti, chiunque essi siano, con tutto il cuore auguriamo allo staff del CICAP di trovare presto una attività più socialmente utile di quella finora svolta e terminiamo godendoci in video questo REQUIEM di Mozart nella storica versione diretta da Karajan.

Jervé

Commenti

Post popolari in questo blog

Progetto Mondo Migliore, benessere economico o la Sola Rivoluzione?

L'evoluzione della sperimentazione umana passa attraverso l'ampliamento della coscienza, la consapevolezza della situazione in cui ci troviamo e la sua trasmutazione nella nuova creazione.
Questo post vuole proporre una prospettiva allargata in cui collocare il significato del progetto Mondo Migliore. Quali i suoi motivi di fondo? Come si inserisce nell’attuale contesto di evoluzione dell’umanità? Quali i suoi possibili esiti?

Una prospettiva gnostica allargata
Mi servirò della metafora gnostica per aiutarmi a descrivere la attuale condizione della incarnazione umana.
In questa metafora la terra, intesa come ambiente di sperimentazione della realtà, fu creata da Sophia, un ‘Eone’, ovvero una emanazione diretta della Sorgente. La Sorgente per essere tutto e completa, non può differenziarsi da Se Stessa, ma, per il suo amore creativo, si immagina, pensa, a qualcosa di diverso da Sé, generando, in prima istanza, gli Eoni, sue dirette emanazioni.
E proprio da un pensiero di questo Eo…

BENJAMIN FULFORD: La mafia khazariana cerca protezione cinese, in lontananza si profilano i Tribunali Militari

Il WDS ha ribadito la sua posizione secondo cui un giubileo è l'unica risposta.


ARTICOLO COMPLETO

CROLLO DEL PONTE MORANDI - ESPLOSIONE VISIBILE DALLE RIPRESE AUTOSTRADALI

Ho scoperto un dettaglio fondamentale nel filmato di "Società per autostrade italiane". Quel filmato che la Procura genovese ritiene ininfluente. Un dettaglio che scagiona gli stralli (tiranti) ed avvalora fortemente la tesi della demolizione controllata del ponte Morandi, ma scartata a priori dal


ARTICOLO COMPLETO

Q 6 ottobre 2018

They want you DIVIDED.
DIVIDED by RACE.
DIVIDED by RELIGION.
DIVIDED by CULTURE.
DIVIDED by CLASS.
DIVIDED by POLITICAL AFFILIATION.
DIVIDED YOU ARE WEAK.
TOGETHER YOU ARE STRONG.
This movement challenges their ‘forced’ narrative.
This movement challenges people to not simply trust what is being reported.
Research for yourself.
Think for yourself.
Trust yourself.
This movement is not about one person or a group of people.

Liberata la Rai: Sottratta alle oligarchie finanziarie. E’stato dato al popolo quello che è del popolo. (di Francesco Amodeo)

Quel cecchino non ci perdeva mai di vista. Col viso coperto dal passamontagna disteso sul tetto dell’Hotel Marriott di Copenaghen seguiva dall’alto ogni nostro passo.


ARTICOLO COMPLETO