Passa ai contenuti principali

E se il potere sovrano, quello delle istituzioni, non fosse poi così 'naturale'?

Zecharia Sitchin è un noto scrittore, studioso di testi e popolazioni antiche, soprattutto in relazione alla civiltà sumerica. I suoi studi lo hanno portato a conclusioni in contrasto con la scienza ufficiale, in particolare in relazione alle origini della specie umana.

Ecco cosa ipotizza, in base alle sue ricerche, nel suo libro 'La bibbia degli dei' riguardo alla nascita del 'potere sovrano' (pag. 125-127):


Come evidenziano i testi mesopotamici, gli Anunnaki istituirono il potere sovrano - quale aspetto di una civiltà superiore con gerarchie proprie - per creare una separazione fra loro stessi e le masse, sempre più numerose, di umani.

Prima del Diluvio Enlil [la principale figure della 'colonia' terrestre] si lamentava che «le dichiarazioni dei terrestri sono diventate opprimenti›› e che «il loro trambusto mi toglie il sonno». Gli dèi si ritirarono quindi nei sacri recinti, nelle piramidi a gradini (gli ziqqurat), al centro delle quali si trovavano le "E" degli dèi (letteralmente: le case, le dimore degli dèi).
E all'individuo prescelto, al quale veniva concesso il privilegio di avvicinarsi per poter ascoltare le parole della divinità, affidavano il messaggio divino da divulgare d popolo. La scelta del sovrano in genere spettava a Enlil, e in sumero, ciò che noi chiamiamo "potere sovrano", si chiamava "potere di Enlil".

Leggiamo nei testi che la decisione di creare il potere sovrano giunse solo dopo grandi sconvolgimenti e guerre fra gli stessi Anunnaki [...].
Questi aspri conflitti terminarono con un trattato di pace che divideva il mondo antico, con i relativi insediamenti, in quattro regioni.

[...] Quando, una volta prese le decisioni relative alle quattro regioni, dopo aver garantito la civiltà e il potere sovrano al genere umano "lo scettro del potere umano venne fatto scendere dai cieli", Enlil assegnò alla dea Ishtar (sua nipote) il compito di trovare un candidato idoneo per il primo trono della città degli uomini [...].


e ancora scrive:


Enlil si unì a Enki nel fornire al genere umano, a intervalli regolari di 3600 anni, tutte le migliorie che noi chiamiamo "progresso", a partire dal Paleolitico (vecchia età della pietra), massando per il Mesolitico e il Neolitico (media e nuova età della pietra) fino alla civiltà sumera, sorta sorta apparentemente dal nulla. Fu proprio con questa civiltà che vennero introdotte la domesticazione di piante e animali e il passaggio dagli utensili in pietra, all'argilla e al vasellame, fino agli strumenti in rame, segno distintivo di una civiltà evoluta.

oltre12.net


inserzione pubblicitaria



Commenti

Post popolari in questo blog

La verità sta arrivando. Non è semplice affrontarla, ma è la verità.

Non ho detto che sarebbe stato facile. 
Ho solo detto che sarebbe stata la verità.
Morpheus

Sospesa licenza azienda Big Pharma, vaccino antitetano sterilizza 500.000 ragazze keniote.

A quel tempo, la Chiesa cattolica in Kenya sosteneva che il vaccino antitetanico usato dal governo del Kenya e dalle agenzie delle Nazioni Unite era contaminato da un ormone (hCG) che può causare aborti e rendere sterili alcune donne.


ARTICOLO COMPLETO

“Figli delle Stelle”, sorprese e rivelazioni

Un vertice in Cina, un secondo a Mosca pochi giorni fa, alla presenza di alti ufficiali dell’esercito e di cosmonauti. Oggetto della discussione: la questione aliena e la creazione di un panel ad hoc all’interno delle Nazioni Unite.


ARTICOLO COMPLETO

Una guerra climatica sull’Italia?

In questo fino ottobre 2018, ore di grande dolore e shock per tutto il Paese colpito da immane violenza “climatica”, particolarmente Liguria, Veneto e Trentino Alto Adige… le meravigliose aree dolomitiche, i boschi magici e incantevoli, rasi al suolo.


ARTICOLO COMPLETO

CHI SONO I REGISTI DEL DISASTRO? - Tiziana Alterio

Dona oggi, resta libero domani. Con Paypal: https://ift.tt/2D3FKZN. Con altri mezzi: https://ift.tt/2qjTqI5 è alla regia delle azioni criminali con le quali le grandi multinazionali e le lobby finanziarie si arricchiscono non solo acquistando il patrimonio pubblico di


ARTICOLO COMPLETO