Passa ai contenuti principali

Trasmutazione: «PURCHÈ NON SI PENSI!»: COME UTILIZZARE LA LIBERTÀ PER INSTAURARE IL TOTALITARISMO DEI DESIDERI INDOTTI.


Da Il Navigatore Curioso 'sulla televisione'.


Viviamo in tempi stranissimi che, oltre ad un volgare conformismo, non ci consigliano di andare. E chiamiamo questo conformismo “buon senso”, “saper vivere” e persino lealtà alla patria, o addirittura “fede”.
Così siamo giunti al punto che manifestare un desiderio di conoscere e riflettere, di pensare, oppure dichiarare di avere un punto di vista diverso da quanto ogni autorità ci propone, significa candidarsi al sospetto.
Come minimo, si rischia di trovarsi ai margini del proprio gruppo. L’attuale sistema ha come presupposto che qualcuno pensi e giudichi per tutti.
Ed allora, l’ordine interiorizzato e che nessuno verbalizza, ma che scivola indisturbato nelle pieghe di ogni coscienza è: «Non pensate, gente, non pensate, ricordatevi di non pensare, pensare stanca, è inutile, pensa uno per tutti e vi protegge dal vostro stesso pensiero…». Così viviamo tempi di conformismo coatto.
Se vogliamo essere tranquilli, siamo invitati a metterci tutti in divisa, ad essere senza volto. Scriveva Karl Jaspers: «E’ possibile spiegare tutto, senza nulla comprendere». Proprio quanto ci sta accadendo. Crediamo di sapere tutto senza comprendere nulla.
Da ciò ne discende uno stile di vita che rifugge quasi per istinto dalla complessità dei problemi. Tutto è semplice, tutto ha una soluzione, purchè non si pensi e non si dica a nessuno che la vita è rischio, scommessa, impegno, progetto di costruire insieme qualcosa di bello e sensato.
Le società occidentali hanno fatto della libertà la loro bandiera. Nessun valore è stato tanto esaltato, in questi ultimi trecento anni, e nessuno appare, anche oggi (almeno in Occidente), tanto indiscutibile. E’ stato in nome della libertà che si sono sviluppate le grandi rivoluzioni della storia moderna. Ed è sempre appellandosi ad essa che ci si è battuti, nel secolo scorso, contro la potenza soffocante dei totalitarismi.
Ma cosa significa, realmente, essere liberi? L’esperienza insegna che è più facile battersi per la libertà, che non individuarne l’effettivo significato. Ma è facile rendersi conto che dal concetto di libertà che si adotta dipende anche il tipo di liberazione per cui ci si deve battere.
Se consideriamo la libertà come quella condizione nella quale non si è costretti da niente e da nessuno a fare o non fare qualcosa, poniamo l’accento esclusivamente sugli ostacoli esteriori che spesso limitano l’azione del soggetto e ne mortificano l’autonomia. A questa idea si sono ispirate e si ispirano molte battaglie per la liberazione da condizionamenti politici, economici, sociali e culturali.
E certo il poter fare senza ostacoli ciò che si desidera costituisce una condizione necessaria della libertà. Ma è anche sufficiente? A farcene dubitare potrebbe essere il fatto semplicissimo che di una libertà così intesa si può parlare anche a proposito di animali non umani. Un cane è “libero” se non è attaccato al guinzaglio.
In realtà, c’è da chiedersi se una persona realizzi veramente la sua libertà quando può fare ciò che desidera. E’ possibile, infatti, porre una questione più a monte, e cioè se questa persona sia libera di desiderare quello che desidera.
In una società come la nostra, dominata dai meccanismi della pubblicità, questo dubbio si impone con particolare evidenza: è veramente libero che, subendo un bombardamento quotidiano di messaggi più o meno subliminali, si trova a desiderare un prodotto di cui non avrebbe alcun reale bisogno, anche a costo del sacrificio di altre cosa, ragionevolmente assai più utili?
L’esempio più eclatante di tale fenomeno è il clamore suscitato dal lancio dell’ultimo modello di Iphone, che rispetto ai suoi predecessori ha veramente poche novità. Eppure, il martellamento mediatico ha generato in numerosi giovani il desiderio di acquistarne uno, ad un prezzo è estremamente elevato e senza nessuna reale utilità rispetto ad un telefono cellulare “normale”. La domanda è: sono realmente io a desiderare, o c’è qualcun altro che mi spinge a desiderare?
Il fatto è che il desiderio, come tale, è facilmente condizionabile dall’esterno. Esso dipende dagli oggetti che ci si presentano e nei cui confronti siamo liberi di sentirci attratti o meno. Esiste, tuttavia, un livello in cui la libertà umana si manifesta nella sua peculiarità ed è quello della volontà. Qui non si tratta più di poter fare, ma di poter scegliere ciò che si vuole fare. Per questo, però, è essenziale il pensiero.
Senza pensiero la libertà si appiattisce sul livello dei riflessi condizionati. Accennavamo prima ai meccanismi della pubblicità. Si pensi anche alle mode e all’omologazione che ne risulta in tutti i settori, da quello dell’abbigliamento a quello, ben più delicato, delle opinioni etiche, politiche o religiose.
Oggi è molto difficile sfuggire a questa forma di dominio invisibile. Ed esso è tanto più pericoloso in quanto censura non le risposte, ma le stesse domande.
Moltissimi uomini e donne, oggi, vivono alle prese con problemi che sono stati messi in “agenda” da altri. Ebbene, ciò è caratteristico dei totalitarismi che, a differenza degli antichi regimi assolutistici, mirano non a soffocare le opposizioni, ma a conquistare il cuore e la mente delle persone, plasmandole per così dire “dall’interno”, piuttosto che costringendole dall’esterno.



E’ chiaro che se si adotta il concetto dominante di libertà, le nostre società, apparentemente, sembrano essere libere, senza nessun limite esteriore, ma sono minacciate da una forma di oppressione totalitaria che può essere individuata e denunziata solo se si adotta un concetto più ampio di libertà, che naturalmente non escluda il primo, ma lo collega al problema della scelta consapevole e non soltanto al comportamento esterno.
A questo punto il problema del pensiero si rivela drammaticamente attuale. Se su di esso si gioca il valore della libertà, nel suo significato più pieno, vale la pena chiedersi perchè oggi sia così debole di fronte alle sfide della vita personale e sociale, e come sia possibile restituirgli la sua forza. Forse bisognerebbe cominciare dallo spegnere la nemica numero uno dell’umanità: la televisione!

Commenti

Post popolari in questo blog

oltre12 segnala: L'epidemia di influenza del 1918 è stata causata dai vaccini

Pochissime persone sanno che la peggiore epidemia che ha mai colpito l'America, l'influenza spagnola del 1918, è il risultato di una massiccia campagna di vaccinazione a livello nazionale (e mondiale). I medici hanno detto alla gente che l'influenza è stata causata da germi.

ARTICOLO COMPLETO - fonte

"Mi illumino di più" per la libertà

I movimenti spontanei in relazione alla legge che obbliga alle vaccinazioni dei bambini di tre mesi sottendono una percezione di una oppressione che va ben oltre il pur importantissimo caso specifico. Segnalo due iniziative a riguardo.
oltre12.net



❤WALL to CHANGE, il cambiamento....è  gia  cominciato.Diffondiamo come un "virus questo evento.Presto daremo maggiori dettagli con le 6 Tappe e 6 giorni  che riguarderanno questo CAMMINO.Stiamo cercando  referenti  di ogni regione, interessati a mettersi in  gioco per realizizzare il più  grande  evento  della  STORIA ITALIANA.  Chiediamo  cooperazione di struttura ,anche a livello economico,  dalle varie associazioni , soprattutto da quelle per la famiglia.NON accetteremo colori politici che vogliano cavalcare quest'  evento , accetteremo invece la partecipazione anche degli stessi politicanti, purché in veste di semplici cittadini come noi e non in funzione di portavoce di partito.L ' ITALIA CHE VUOLE IL CAMBIAMENTO si sta  co…

oltre12 segnala: BENJAMIN FULFORD: Fallimento e risoluzione del sistema Occidentale

Inizio le mie ferie annuali , perciò, le prossime due relazioni verranno scritte in anticipo a meno che non vi siano eventi straordinari da farmi interrompere la vacanza Ormai è ovvio a chi usa la propria testa che qualcosa è profondamente sbagliato nei sistemi di governo e sopratutto in q

ARTICOLO COMPLETO - fonte

oltre12 segnala: Gotti Tedeschi: Il banchiere che svela alcune inquietanti verità sul futuro che ci attende !

Il quotidiano "Libero" riporta un intervista fatta da Paolo Becchi e Cesare Sacchetti al banchiere Gotti Tedeschi e pubblicata l'8 Agosto sul loro sito, dal titolo : Il banchiere Gotti Tedeschi a Libero: "Per difendere l'euro ci attende un futuro terrificante" Fonte: ( http://ift.tt/zJkiwI.

ARTICOLO COMPLETO - fonte