Passa ai contenuti principali

Putin torna e mette in massima allerta la flotta settentrionale russa.

Faccio seguito al post "Il mistero di Putin: spunta la pista 'Energia Libera'" con la notizia della messa in massima allerta, al 'ritorno' di Putin della flotta settentrionale russa.

Aggiungo il fatto che buona parte dell'Europa ha appoggiato le recenti infrastrutture economiche asiatiche di fatto allontanandosi dagli USA, e quindi confermando che il 'nuovo' sistema economico è in piena attuazione verso il multilateralismo guidato da BRICS e in particolare Cina.
Cito solo una delle fonti ufficiali che hanno riportato la notizia:
 'la Francia, l’Italia e la Germania hanno deciso di seguire le orme della Gran Bretagna e di aderire all’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB), definita una sorta di Banca Mondiale della Cina, dal momento che si contrappone alla Banca Mondiale con sede a Washington.'  - link
Certo qualcosa sta accadendo come numerosi voci riportano. Cosa, nel dettaglio, non ci è dato sapere. Vedremo se mai potremo ....

GovernmentZA - flickr - CC licence

(da International Business Times)
Russia, Putin riappare ed allerta la flotta del nord (contro la NATO)

Di Emanuele Vena | 17.03.2015 16:42 CET
Riappare e torna subito protagonista. Si tratta ovviamente di Vladimir Putin, presidente russo ricomparso in pubblico dopo una decina di giorni di assenza che avevano fatto sorgere dubbi sulle sue condizioni di salute. Ma il presidente russo non solo sembra in forma, ma anche piuttosto combattivo. Come dimostra la decisione di porre in stato di massima allerta la flotta settentrionale russa, situata nella zona di Murmansk, ad una trentina di chilometri dal Mar di Barents.

A rendere evidente la quantità delle forze coinvolte bastano le cifre, che recitano di 38 mila soldati, oltre 3 mila veicoli militari e più di 160 tra navi, sottomarini, aerei ed elicotteri.
[...]

Commenti

Post popolari in questo blog

QANON, 7 MARZO 2019. FACEBOOK, LA PIÙ GRANDE PIATTAFORMA DI SOCIAL MEDIA DEL MONDO È POSSEDUTA E GESTITA DALL'AGENZIA DI INTELLIGENCE CENTRALE DEGLI STATI UNITI D'AMERICA

2989 Q!!mG7VJxZNCI7 Mar 2019 - 5:58:23 AM


Pensiero logico. DARPA ha completato il programma 'LifeLog' (finanziato dal contribuente)? Dopo il completamento, c'era la paura che il pubblico non avrebbe accettato il progetto se fosse stato sostenuto da DoD/C_A? Credete che la gente si sarebbe unita ad una piattaforma sapendo che era sotto il controllo di C_A e FED GOV? No. Come attirate le masse ad inserire tutte le loro informazioni personali e messaggi privati (cioè il loro LIFE LOG) in una nuova piattaforma? Lo rendi figo? Come ha fatto FB 'presumibilmente' iniziare e lanciare? Ivy lega solo? Sviluppare una tendenza e/o seguire? Come si fa a mantenere il progetto in esecuzione senza fondi 'pubblici' dei contribuenti? [DoD ha riferito che LifeLog è stato TERMINATO al Congresso/Senate OS]. Definire 'Black Budget'. Ha spinto HWOOD? Le persone seguono le 'stelle'? I concorrenti hanno attaccato sistematicamente (myspace) per prevenire la competiz…

Samadhi il film, 2017- Parte Prima- "Maya, L'illusione del Sè"

QAnon spiegato al pubblico italiano

COSA VUOLE QANON?La graduale rimozione di una mafia globalizzata che ha preso il controllo di quasi tutte le nazioni chiave del mondo a partire dal sistema bancario e traffico di esseri umani, organi, armi, droga, segreti industriali, ecc.La creazione di una cittadinanza consapevole e resiliente che prevenga il ripetersi di questa mostruosità.


PERCHÉ VALE LA PENA DI PARLARE DI QANON? 1. Se milioni di persone in tutto il mondo prendono sul serio quella che i media chiamano “teoria cospirativa” e quotidianamente in media oltre 200mila persone si collegano a https://qmap.pub


ARTICOLO COMPLETO

QAnon 23 Febbraio 2019 – Attacco Diretto

Per coloro che pensano che questa guerra sia finta, o che noi non veniamo considerati come una minaccia maggiore, questo è un attacco diretto da parte di Hillary Clinton verso ‘Q’ e i PATRIOTI A FAVORE DI POTUS.


ARTICOLO COMPLETO

La nuova età dell’oro: dal prologo alla promessa

Stefano Fait è antropologo, politologo. Consulenza strategica nei settori: geopolitica, geoeconomia & geofinanza; economia e politica dello spazio Le maggiori trasformazioni saranno il culmine di vari trend in favore della de-massificazione e del decentramento.


ARTICOLO COMPLETO