Passa ai contenuti principali

Tutto NON è come è sempre stato - imperdibile intervista video alla professoressa, astrofisica e fisica Giuliana Conforto.

Esiste una parte della 'materia', (abbiamo osservato meno dell'1% della materia visibile, che a sua volta è il 4% della materia stimata), che è invisibile, opera a velocità migliaia di volte superiore a quella visibile, e influenza la realtà in modo istantaneo e intelligente.


Come detto dalla stessa Conforto ad inizio trasmissione, il suo compito è l'esprimere con i termini della scienza fisica le antiche conoscenze, insite in ognuno di noi, che tradizioni millenarie avevano già descritto migliaia di anni orsono, in particolare, ma non esclusivamente (vedi Giordano Bruno), orientali.


Come detto, la 'materia' di cui parla la Conforto sempre all'inizio del video, è per la grande maggioranza invisibile, non rilevabile, se non indirettamente, intelligente, istantanea e selettiva. Il termine materia utilizzato, che certo ha un preciso significato nella scienza fisica nei termini del suo comportamento misurabile sperimentalmente, è meglio inteso dalla maggioranza della persone, con il termine 'spirito'.
"Materia/spirito", quindi che la Conforto afferma essere 'tutto ciò che è'.


Altre interessanti, tra le tante, informazioni che emergono da questo imperdibile video, sono il fatto che da qualche decina di anni l'universo, diversamente da quanto previsto dalla teoria del Big Bang (che quindi va rivista), ha preso ad accelerare improvvisamente nella sua espansione in maniera inaspettata.
Inoltre viene sottolineato come pressoché tutti i postulati su cui si è basata la scienza, sono stati dimostrati invalidi, cosa che costringe a riscrivere anche la realtà scientifica.





Commenti

Post popolari in questo blog

Progetto Mondo Migliore, benessere economico o la Sola Rivoluzione?

L'evoluzione della sperimentazione umana passa attraverso l'ampliamento della coscienza, la consapevolezza della situazione in cui ci troviamo e la sua trasmutazione nella nuova creazione.
Questo post vuole proporre una prospettiva allargata in cui collocare il significato del progetto Mondo Migliore. Quali i suoi motivi di fondo? Come si inserisce nell’attuale contesto di evoluzione dell’umanità? Quali i suoi possibili esiti?

Una prospettiva gnostica allargata
Mi servirò della metafora gnostica per aiutarmi a descrivere la attuale condizione della incarnazione umana.
In questa metafora la terra, intesa come ambiente di sperimentazione della realtà, fu creata da Sophia, un ‘Eone’, ovvero una emanazione diretta della Sorgente. La Sorgente per essere tutto e completa, non può differenziarsi da Se Stessa, ma, per il suo amore creativo, si immagina, pensa, a qualcosa di diverso da Sé, generando, in prima istanza, gli Eoni, sue dirette emanazioni.
E proprio da un pensiero di questo Eo…

BENJAMIN FULFORD: La mafia khazariana cerca protezione cinese, in lontananza si profilano i Tribunali Militari

Il WDS ha ribadito la sua posizione secondo cui un giubileo è l'unica risposta.


ARTICOLO COMPLETO

Q 6 ottobre 2018

They want you DIVIDED.
DIVIDED by RACE.
DIVIDED by RELIGION.
DIVIDED by CULTURE.
DIVIDED by CLASS.
DIVIDED by POLITICAL AFFILIATION.
DIVIDED YOU ARE WEAK.
TOGETHER YOU ARE STRONG.
This movement challenges their ‘forced’ narrative.
This movement challenges people to not simply trust what is being reported.
Research for yourself.
Think for yourself.
Trust yourself.
This movement is not about one person or a group of people.

12 OTTOBRE 2018 DI FRANCO REMONDINA Aaah.. ecco cos’era…

Ecco cosa era l’incontro del governatore della BCE con il nostro (nostro???) Caccarella: la fine dell’euro! In pratica Draghi ha detto: non vi aiutiamo in caso di crisi! Cosa significa? Che, a meno di “IMPEGNARCI” in una nuova MANOVRA STILE MONTI, la BCE non darà liquidità! Ecco cosa è


ARTICOLO COMPLETO

Liberata la Rai: Sottratta alle oligarchie finanziarie. E’stato dato al popolo quello che è del popolo. (di Francesco Amodeo)

Quel cecchino non ci perdeva mai di vista. Col viso coperto dal passamontagna disteso sul tetto dell’Hotel Marriott di Copenaghen seguiva dall’alto ogni nostro passo.


ARTICOLO COMPLETO