Passa ai contenuti principali

Ancora: 700 Professori di Università di tutta Italia - profondo sdegno per il ricatto che è stato imposto [alla Grecia] dalla tecnocrazia dell’austerity

Ho appena segnalato un articolo che ne parlava, ma, avendo approfondito, ritengo opportuno dare maggior risalto da quanto scritto e firmato da circa 700 professori universitari italiani in relazione alla situazione della Grecia. Leggete.
A di oltre12

Grazie ai Professori per il coraggio e per mostrare che la dignità esite ancora...

"Profondo sdegno per il ricatto che vi è stato [alla Grecia] imposto dalla tecnocrazia dell’austerity, che ha ormai svelato il vero obiettivo della sua ferocia: quello di imporre un unico, fallimentare modello economico basato sull’annientamento della dignità umana."

mariusz kluzniak - flickr - CC licence

29 giugno 2015,

Un saluto alla popolazione greca tutta e, in particolar modo, alle nostre colleghe e ai nostri colleghi del mondo dell’istruzione, dell’università e della ricerca.


Chi vi scrive lo fa a poche centinaia di chilometri da dove vi trovate: eppure, se misurata col metro della consapevolezza e della preoccupazione per il futuro, anche questa breve distanza sembra sparire. E lo fa in giorni in cui ci ritroviamo, su quest’altra sponda del Mare Mediterraneo, a osservare con attenzione e apprensione le vicende che si susseguono nel vostro paese e intorno a esso.

Siamo studiose e studiosi, ricercatori e ricercatrici, docenti e scienziati degli atenei italiani. Alcuni tra noi si occupano di scienze umane e storiche, altri di scienze sociali, altri ancora di scienze matematiche, fisiche e naturali. Eppure ciascuno di noi condivide una forte riconoscenza nei confronti della cultura greca e della sua storia. Come potremmo altrimenti? È stata la Grecia la vera culla del pensiero occidentale, il crocevia di esperienze che ha generato per prima lo spirito dell’amore per la conoscenza, in ogni ambito del sapere. Tutte e tutti sappiamo perfettamente quanto la cultura e il pensiero greco abbiano contribuito a quell’originaria, vera spinta verso l’unità e la fratellanza degli esseri umani in questa parte del mondo. Tutti sappiamo che essa è la nostra radice, ben prima – e ben più – di ogni mito o ideologia che di volta in volta si è voluta fondativa per l’Europa.

Soprattutto, ognuno di noi condivide una seria preoccupazione per gli eventi che si stanno avvicendando in questi giorni, così come un profondo sdegno per il ricatto che vi è stato imposto dalla tecnocrazia dell’austerity, che ha ormai svelato il vero obiettivo della sua ferocia: quello di imporre un unico, fallimentare modello economico basato sull’annientamento della dignità umana.

Per questi motivi non possiamo non supportare il popolo greco in questa pagina difficile della sua storia. Siamo consapevoli che l’esito del referendum del 5 luglio prossimo, se come ci auguriamo si affermerà la vittoria del “NO”, porterà a un clima di confusione che si cercherà di strumentalizzare per far chinare il capo alle cittadine e ai cittadini greci. Per questo motivo ci impegniamo da subito, con questa lettera, a offrirvi la nostra solidarietà: non solo morale, ma anche nella forma di atti concreti. Ciò che mettiamo nero su bianco con queste parole è l’impegno, a titolo individuale e collettivo, a sostenervi e cooperare con voi per la ricostruzione della Grecia e la costruzione di un nuovo modello sociale, economico e politico, che attraversi e coinvolga anche quello snodo cruciale che è il mondo della conoscenza, in cui tutte e tutti noi lavoriamo.

Ci auguriamo che il popolo greco faccia la sua scelta in piena autonomia e dignità, mentre la solidarietà internazionale nei suoi confronti si rafforza e continua. Sappiamo che il mondo si sta indignando e mobilitando perché la Grecia possa dimostrare che un’Europa diversa – un mondo diverso – è davvero realizzabile, rifiutando l’aut-aut tra schiavitù al mercato o barbarie. Vogliamo esprimere a ciascuno di voi, e in particolare alle nostre colleghe e ai nostri colleghi, il nostro totale sostegno. Un ultimo appunto. Non troverete al termine di questa lettera il solito elenco di sole firme “prestigiose”: d’altronde, non è intenzione di chi vi scrive proporre la consueta dichiarazione di intenti, l’ennesima vetrina intellettuale destinata a lasciare il tempo che ha trovato. Perché la nostra vuole essere una promessa di solidarietà fattuale e incisiva, prologo a tempi nuovi e animati da uno spirito differente. Lo spirito di una nuova solidarietà tra i popoli dell’Europa e del Mediterraneo, in grado soprattutto, di costruire un sapere e un mondo nuovo, più giusto, più solidale, più libero.

Un enorme grazie a tutte e a tutti voi.

Viva la Grecia!


FONTE 

Commenti

Post popolari in questo blog

(inglese) oltre12 segnala: So what’s going on with this Macron-Trump picture???

During the recent Macron state visit to the US, this image was taken on the White House balcony. I mean… come on, Emmanuel Macron. Looks like two Illuminati hand signals to me. Probably telling his handlers that he’s still loyal to them. These two Kp blog posts are relevant: post 1; post 2.

ARTICOLO COMPLETO - fonte

oltre12 segnala: Q_Anon Aggiornamento 8/9 maggio - Esodo di massa in DC ?

Un nuovo aggiornamento di Q Anon , che svela l'espulsione di massa dei corrotti in atto in queste ore contro l'establishment del Deep State, che in queste ore muove enormi quantità di persone indagate a Washington DC.

ARTICOLO COMPLETO - fonte

oltre12 segnala: Paolo Rumor: un potere segreto ci domina da 12.000 anni

Un’entità clandestina, sinistra perché invisibile. Segretamente dominante, e molto antica: vecchia di millenni, addirittura. «Mi addolora, aver scoperto l’esistenza di un’Europa nascosta e parallela: interviene nella politica e anche nella cultura, condizionando il nostro mondo».

ARTICOLO COMPLETO - fonte

oltre12 segnala: VACCINI: UN BUSINESS CHE SUPERERÀ I 77,5 MLD $ ENTRO IL 2024, CORRELAZIONE VACCINI E AUTISMO

(AdnKronos) - Il mercato globale dei vaccini supererà quota 77,5 miliardi di dollari entro il 2024, aumentando a un tasso di crescita annuale composto (Cagr) del 10,3% a partire dal 2013.

ARTICOLO COMPLETO - fonte

oltre12 segnala: Q_ANON AGGIORNAMENTO NEWS 23 APRILE 2018

Chi uccide più velocemente - la chemioterapia o il cancro? Chi uccide più velocemente - la chemioterapia o il cancro? SD Wells naturalnews Sa Defenza   La scienza  dimostra che la chemiot...

ARTICOLO COMPLETO - fonte