Passa ai contenuti principali

Cosa sta accadendo? Parte 11 - Il Grande Salto

proseguono i post della serie 'Cosa sta accadendo?'
Una delle prospettive che personalmente sento più vicina...
A oltre12

da terracuore.it


Tutti pronti? È nell’aria, molti di voi lo avvertono già da un po’ di tempo, qualcosa è cambiato e profondamente anche. Da ormai una decina d’anni stiamo vivendo dei salti nell’energia planetaria. È come se per millenni fossimo vissuti in una casa in alta montagna in mezzo al bosco con le finestre tappate anzi sigillate e l’aria ci fosse stata portata con lunghi tubi collegati a pompe che prendono un aria maleodorante e stagnante in pianura. Nei secoli qualcuno si è anche reso conto che era sufficiente uscire di casa e respirare a pieni polmoni, ma il trattamento che riceveva per aver mostrato questo era finire al rogo. E ora sapete cosa succede? Negli anni scorsi, quelle finestre sono state aperte, sempre più Anime si sono svegliate – è proprio il caso di usare questa parola. Ed oggi stiamo vivendo l’epoca d’oro – il momento in cui i tubi che portano l’aria sporca dalla pianura che ci hanno alimentato per secoli sono stati spenti! Ora la scelta è semplice, aprire le finestre e finalmente uscire fuori casa.

Il primo impatto per alcuni è traumatico – respirare a pieni polmoni aria pura? Sconvolgente!
Iperventilazione! Alcuni pensano stia arrivando la fine del mondo – e hanno ragione. È la soglia di un grande cambiamento, la fine dei vecchi schemi – ma tranquilli il cambiamento non abbatterà nessun palazzo, non cadrà nessuna cometa (in Russia attualmente c’è una forte paranoia da fine del mondo), ne cadrà nessun governo o grande cospirazione di banchieri tedeschi.. Quello che sta avvenendo è un cambiamento sottile – è il togliere i veli che ci hanno sempre offuscato, e molti di voi lo stanno già vivendo.

Operatori olistici\del benessere\di luce (ma in quanti modi ci piace farci chiamare!?) vi siete accorti che le vostre tecniche si sono potenziate?

Vi siete accorti che i vecchi metodi non bastano più e che vi arrivano intuizioni del tutto eretiche su nuovi metodi operativi?

Vi credete folli perché vi hanno insegnato a fare le cose in un modo, eppure l’istinto vi suggerisce di fare diversamente?

Vi siete accorti delle canalizzazioni che ricevete in misura sempre crescente? Non siete pazzi, è reale!

E a tutte le Anime che leggono, vi siete accorti della tensione che precede il salto che è cresciuta negli ultimi mesi?

Vi siete accorti che sperimentate emozioni nuove, all’inizio sono come venticelli, sono delicate quasi non ve ne accorgete, ma poi vi travolgono!

Vi siete accorti di come è cambiata la percezione del mondo?

Vi siete accorti di come improvvisamente avete perso un abitudine, che senza rendervene conto vi stava lentamente avvelenando?

Ecco è questo l’inizio del salto, la grande onda del cambiamento. Una nuova sensibilità, un modo nuovo di vedere le cose disponibile per tutti senza eccezioni.

Le conseguenze sono:
Apertura delle porte dell’Anima e maggiore facilità a lavorare con le energie sottili.

Tecniche e metodi molto più potenti di quanto avete visto sinora (è già successo, stiamo andando ancora avanti).

Una nuova sensibilità che col tempo diverrà forse comune, più attenta al Cuore, più attenta agli altri esseri umani e al pianeta di quando lo siamo mai stati.

Poi forse un giorno cambieranno anche i governi e persino le grandi cospirazioni, a proposito se nelle prossime settimane i governi manifesteranno messaggi allarmanti su una crisi senza precedenti, non preoccupatevi – sono loro, gli apparati economici europei, le “grandi cospirazioni di banchieri tedeschi” ad avere realmente paura – questo riguarda loro non voi. Semplicemente si sono accorti che non possono più fare quello che facevano prima, i loro stessi figli sono parte di questo cambiamento, vedono il mondo con occhi diversi. Magari dureranno ancora qualche decennio, magari qualche secolo. Ma molti di noi (o di voi) saranno ancora qui quando questo accadrà.

Aspettatevi quindi grandi cose, ma non cercatele fuori, per vederle bisogna guardare dentro di voi, e ricordatevi che è solo l’inizio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il pensiero positivo espande, quello negativo distrugge. Vediamo perchè e cosa significa.

La materia apparentemente risponde solo alle leggi fisiche, ma in realtà tutto viene creato dal pensiero. La materia ha una grossa inerzia al cambiamento e questo fa percepire la apparente ininfluenza del pensiero su di essa. In realtà tutto è creato dal pensiero anche se ci vuole del tempo per manifestarlo.Quando emettiamo o chi ci circonda emette dei pensieri negativi stiamo di fatto utilizzando lo strumento di distruzione della creazione che si manifesta nella materia come un senso di riduzione del se. Tale riduzione non si manifesta immediatamente a livello fisico anche se con il passare degli anni questi pensieri negativi possono portare a un impoverimento della efficienza anche del nostro corpo fisico. Avrete sentito parlare dei cosiddetti iettatori o menagrami, in effetti con uno specifico pensiero negativo unito a volte a specifiche tecniche e ad una intensità particolare può portare reali conseguenze nel mondo fisico.L'opposto di tutto questo è il pensiero positivo, l'…

BENJAMIN FULFORD: Società segrete, servizi segreti e religioni: l'attuale equilibrio di potere

La guerra segreta per il pianeta terra si è intensificata e si avvia verso una sorta di climax.


ARTICOLO COMPLETO

BENJAMIN FULFORD: Storia segreta del Mondo dal 2000 al 2018

Gli asiatici fondarono un gruppo di alleati occidentali che divenne la cosiddetta White Dragon Society (WDS). Questo gruppo comprende persone di alto livello nel Pentagono, la CIA, l'FSB russo, la famiglia reale britannica, la massoneria, la Loggia P2 Vaticana , ecc.


ARTICOLO COMPLETO

Nino Galloni: “Siamo quattro milioni di eroi”.

“Come è possibile che si parli di crisi se non c’è nessuna scarsità reale delle risorse produttive, delle materie prime, dell’approvvigionamento, dei prezzi, dei costi e delle quantità nell’economia globale? Noi “crediamo” che ci sia una crisi, ma la crisi è solo una crisi di cons


ARTICOLO COMPLETO