Passa ai contenuti principali

Perché continuare? ( e il criceto Roborovsky)

Tra i criceti domestici, da poco si è diffusa nei negozi una variante del cricetino russo ('mutato'), che, dal nome dell'esploratore che lo scoprì in Siberia, viene chiamato 'criceto Roborovsky'.
E' un criceto estremamente agile, che salta per la gabbia, e deve essere stretto con forza se lo si vuole afferrare senza che scappi dalla mano.





Immagino che in molti, nelle pesanti energie di questo autunno, si siano chiesti:
perché continuare?

Perché continuare a proporre la propria visione, la propria percezione della realtà quando le strutture pre-esistenti sono così ben piazzate e apparentemente persistono anche se vuote, svuotate del loro senso ma non della loro capacità di influenzare la vita di tutti.

Anche io me lo sono chiesto. Ho detto quello che dovevo dire, ho scritto quello che sentivo di scrivere, che non veniva dall'immagine di 'me', dalla rappresentazione nel pensiero di me stesso, ma da qualcosa di più vasto, che voleva esprimersi.

Continuare a scrivere? A perdere tempo e energie che potrebbero essere dedicate a altro più 'tangibile'?
Serve?
Probabilmente lo farò come ho fatto negli ultimi anni, seguendo una 'voce' che si sente solo internamente. O forse no. Chissà.

Una ragione più concreta, più razionale, me la hanno fornita i libri di testo delle elementari, che ho avuto occasione di consultare.

Quello che può dare speranza e forza, sempre nell'ambito del razionale, ambito che la Nuova Percezione considera solo come uno strumento, abbandonata la identificazione con esso, è che, come il criceto Roborovsky stiamo diventando più agili, meno controllabili, e la mano che ci tiene deve stringersi sempre più, altrimenti scappiamo. E speriamo di scappare prima che la stretta sia definitiva.


Ecco due casi tratti direttamente dai libri di testo delle elementari.

1. La mattina modello di un bambino di seconda elementare (dal libro di testo)
'Vivere a scuola' - Primo giorno di scuola

Questo testo viene letto e ripetuto dai bambini (quindi ben assimilato). Lascio al vostro sentire ogni personale considerazione sul senso di accettazione, amore, che può derivare al bambino:
Papà mi ha appena mollato al cancello:
- Quest'anno vai in seconda, sai come devi fare. Io fuggo, che faccio tardi ....
Papà fugge, ha il fuoco sotto ai piedi, ... gli scappa di andare al lavoro ... Mii veniva da piangere. sarebbe stato così ogni mattina. Ormai la conoscevo bene la musica dell'andare a scuola...

A chi giova l'autonomia precoce? Ai bambini o agli insegnanti? o al fantomatico 'sistema'?
Sarà un caso ma ho notato che quest'anno sempre più genitori 'mollano' i figli direttamente dall'auto, dal mezzo della strada, senza poter nemmeno verificare che il bambino sia effettivamente entrato nell'edificio scolastico, lasciati alla buona volontà delle altre mamme e papà 'perditempo', quello che il bambino lo seguono fino a dentro.... Il tutto assolutamente giustificato dal non far tardi al lavoro... Chi è il criceto in gabbia che corre sulla ruota?


2. Grazie Jovanotti! Dal libro di testo di quarta elementare. Impariamo la 'biografia' ... di Jovanotti

Potrebbe essere una banale attualizzazione dei libri di testo, fornire una biografia di un cantante 'in voga' (del quale uno dei primi hit single è stato 'Sei come la mia moto'...). Chissà perché poi 'in voga'. Sarà un caso che sia stato scelto come rappresentante della musica italiana al Google Camp ('riunione segr ... privata') di due anni fa, in cui come egli stesso non ha nessun problema a affermare - vedi post - le decisioni sul nostro futuro vengono fatte al di fuori della politica (e quindi della democrazia), che non è più efficace in tal senso (come è vero...).
E poi lo abbiamo ritrovato in cima alle classifiche, effigiato a grandezza super-naturale sui muri di luoghi di cultura quali i negozi Mondadori, con tanto di citazione poetica, e anche  ....  ... sui libri di testo dei nostri bambini.
Niente da dire. Fantastica organizzazione efficace e trasversale. Il grande fratello di Orwell è di sicuro sbiancato per l'ammirazione.



Nel vecchio paradigma la risposta sarebbe ... V per Vendetta....  Apparteniamo al Nuovo? No se ci costringono al vecchio....

A di oltre12


Commenti

Post popolari in questo blog

Il pensiero positivo espande, quello negativo distrugge. Vediamo perchè e cosa significa.

La materia apparentemente risponde solo alle leggi fisiche, ma in realtà tutto viene creato dal pensiero. La materia ha una grossa inerzia al cambiamento e questo fa percepire la apparente ininfluenza del pensiero su di essa. In realtà tutto è creato dal pensiero anche se ci vuole del tempo per manifestarlo.Quando emettiamo o chi ci circonda emette dei pensieri negativi stiamo di fatto utilizzando lo strumento di distruzione della creazione che si manifesta nella materia come un senso di riduzione del se. Tale riduzione non si manifesta immediatamente a livello fisico anche se con il passare degli anni questi pensieri negativi possono portare a un impoverimento della efficienza anche del nostro corpo fisico. Avrete sentito parlare dei cosiddetti iettatori o menagrami, in effetti con uno specifico pensiero negativo unito a volte a specifiche tecniche e ad una intensità particolare può portare reali conseguenze nel mondo fisico.L'opposto di tutto questo è il pensiero positivo, l'…

ITALIANO -- BENJAMIN FULFORD:18:06:2018

ITALIANO -- BENJAMIN FULFORD:18:06:2018 Ancora una volta il mondo affronta una lunga estate calda di malcontento, con l'azione più importante che si terrà probabilmente in Europa e nell'Asia orientale quest'anno.
from oltre12.net https://ift.tt/2JX4NOw La congiura per la rinascita della Manciuria, nel mentre l'Europa affronta l'estate del malcontento 18 giugno 2018 Benjamin Fulfor...

oltre12 segnala: ITALIANO -- BENJAMIN FULFORD: 25:06:2018

Il vecchio regime negli Stati Uniti e in Europa sta collassando in un modo che sta diventando ovvio anche agli occidentali sotto controllo mentale e analfabeti.


ARTICOLO COMPLETO

PREVISIONI LUGLIO 2018 – FUORI DALLA GABBIA

Ricordo che per calcolare il numero del mese è sufficiente sommare il suo valore numerico (ad esempio Luglio è il numero 7), con la somma delle cifre dell’anno in corso; nel nostro caso il 2018 è un 2 (2+1+8= 11 => 1+1 = 2). Luglio quindi è un mese 9.


ARTICOLO COMPLETO

BENJAMIN FULFORD: Arresti di massa ad agosto; L'annuncio sull'11 settembre sarà a settembre; e il Giubileo a ottobre?

I bravi ragazzi stanno continuando nella battaglia segreta per la vittoria del pianeta terra, in grande stile, confermano molteplici fonti.


ARTICOLO COMPLETO