Passa ai contenuti principali

Promemoria UpReaction: I tre livelli della realtà. Quello che è necessario sapere.


 Platone: Il Mito della Caverna (da veki.club)

Se paragonassimo la realtà ad una rappresentazione cinematografica, ecco i tre livelli di consapevolezza che ne possono emergere:

Il set.
Nel set, scenari e azioni, ed anche i copioni, vengono recitati da attori, che però, a differenza degli attori, non si rendono conto di star recitando. Le informazioni di cui vengono in possesso fanno parte del copione, che contribuisce volutamente a creare in essi la illusione di vivere nell'unica realtà possibile
Per uscire dal set è necessaria o una illuminazione interiore, improbabile ma non impossibile, oppure che il copione stesso sveli l'esistenza del set.
Trattandosi di uno stato di limitazione di consapevolezza può essere paragonato ad uno stato di illusione ipnotica.
E' il regno della materia, della fisica meccanica, della causa effetto e dello spazio-tempo lineare, dell'illusione.


Dietro le quinte.
Dietro le quinte è chi allestisce il set e scrive il copione.
E' lo stato di consapevolezza delle Elite, quelle al di sopra della figure di governance note al set. Elite che stanno , sempre, dietro le quinte, non visibili ai recitanti. Quello stato che utilizza strumenti che nel set vengono descritti, se mai se ne viene in contatto come esoterismo, complottismo, fantasie senza vero significato proprio perché utilizzano degli strumenti che vengono lasciati al di fuori della consapevolezza di chi opera nel set.
E' il regno della creazione di una realtà, attuata principalmente attraverso le strutture energetiche collettive di pensiero. Utilizza gli strumenti descritti nel vero esoterismo e parzialmente dalla fisica quantistica, della non-consequenzialità, della coscienza come creatrice della realtà manifestata.
Ma rimane nella separazione e nel dualismo.
A questo livello è possibile accedere attraverso la conoscenza dei suoi meccanismi, che sono al di fuori della 'logica comune' che vive nel 'set'.


Fuori dallo studio cinematografico.
Al di fuori dello studio cinematografico è la consapevolezza che rende possibili gli altri due livelli. Questa consapevolezza è silenzio, quiete, presente, e tutto. E il tutto non può avere parti diverse da se stesso. Crea gli altri due livelli pensando, illusoriamente, l'esistenza della differenza, della separazione, del bene e del male.
E' possibile, pur restando nel veicolo terrestre (mente/corpo) entrare in uno stato di comunicazione con questo livello, anche se non è la norma dello stato di coscienza.



Commenti

Post popolari in questo blog

oltre12 segnala: Il Sistema prossimo al collasso...

Stanno accadendo cose che voi sudditi non potete immaginare Anagrammare la citazione di Blade Runner diviene obbligatorio per descrivere quello che sta interessando gli Stati Uniti dAmerica.

ARTICOLO COMPLETO - fonte

(inglese) oltre12 segnala: President Trump Drops NUCLEAR BOMB on Vaccine Mandates…

Wars are won by making political alliances.  If our side EVER wants to win we need to understand that simple fact.

ARTICOLO COMPLETO - fonte

oltre12 segnala: SIAMO ARRIVATI ALLA FINE DI UN’ERA di Luca Carli

Forse te ne sarai accorto anche tu, guardandoti attorno e non vedendo più all’esterno, nel mondo che hai imparato a conoscere, nulla per cui valesse la pena avere Futuro.

ARTICOLO COMPLETO - fonte

6 Grandi Illusioni che Imprigionano in Matrix

di Sigmund Fraud Traduzione di Anticorpi.info
"In prigionia, le illusioni possono dare conforto." Nelson Mandela
Affinché un gioco di prestigio riesca a ingannare un pubblico, è necessario che il trucco sia invisibile, e a tal fine il prestigiatore suscita nello spettatore uno stato di sospensione dell'incredulità.

Lo stato di sospensione dell'incredulità nell'illusione è spesso più confortante dello scoprire i segreti del prestigiatore.
Ebbene, noi viviamo in un mondo di illusioni. Molte delle preoccupazioni che ci occupano la mente e delle attività che riempiono le nostre giornate scaturiscono da impulsi che ci richiedono di diventare qualcuno o qualcosa di diverso da ciò che siamo. Non è un caso. Data la programmazione mentale funzionale alla culturaaziendale-consumista che oggi domina la razza umana, siamo indotti ad accettare alcuni aspetti della società come verità intoccabili, e a credere che alcuni modi di essere e agire siano più giusti rispetto a molti alt…

oltre12 segnala: David Icke da Phantom Self, Schiavi di un Sè Fantasma: come è cominciato il suo viaggio

Un estratto dalla penultima fatica letteraria di David Icke  Phantom Self,  “Schiavi di un Sé Fantasma”, in cui racconta come è cominciato il suo viaggio di scoperta e ricerca inclusa la comprensione del controllo dell’umanità, proprio mentre le persone sono troppo impegnate nella loro

ARTICOLO COMPLETO - fonte