Passa ai contenuti principali

News: La guerra a Trump, l'establishment Usa e le dimissioni del generale Michael Flynn

Da loccidentale.it:

Il "deep state", lo "stato profondo", cioé le strutture della forza di un Paese, i servizi, la intelligence, ex generali e alti ufficiali magari in pensione, le burocrazie e i gangli vitali del potere a Washington, come pure il sistema giudiziario.

Messi tutti insieme, e con la copertura dei media, questi poteri incarnano oggi la vera opposizione alla amministrazione democraticamente eletta. Il caso Flynn è il primo esempio, riuscito, di questa strategia? Insomma, per farla breve, l'establishment americano non si piega ancora al nuovo presidente, nonostante i poteri forti siano stati travolti dal voto popolare. L'impressione è che ci siano apparati ancora fedeli a Obama o repubblicani ostili a Trump che agiscono all'interno delle istituzioni Usa un po' come, all'esterno, nelle piazze delle grandi città americane, si organizzano "grandi" manifestazioni contro il presidente, con il sostegno di qualche miliardario di sicura fede democratica. Il Don finirà spodestato come accadde a Nixon? E' ancora troppo presto per dirlo. Del resto, mentre gli fanno la guerra dentro e fuori il palazzo, nel giro di qualche settimana Trump ha già messo a segno una serie di colpi che da soli valgono quanto i tradizionali cento giorni della presidenza Usa.

Stop all'Obamacare, alla immigrazione clandestina dal Messico, all'arrivo di migranti dai Paesi sponsor del terrorismo, avanti con i gasdotti congelati da Obama, con meno regole nel funzionamento dello stato federale, con le operazioni antiterrorismo, e l'elenco delle promesse mantenute da Trump potrebbe continuare. Insomma, il Don più lo assediano, più lui rilancia e alza la posta, scompaginando i piani degli avversari. E' già accaduto in campagna elettorale e sappiamo com'è finita, ha vinto lui. Ma stavolta il contesto è diverso. Trump è un presidente sotto assedio. E in una situazione instabile come quella che abbiamo appena descritto, ad andarci di mezzo pagando il prezzo più grande potrebbe essere la democrazia americana. Le regole e la costituzione che stavolta, per quelli come Kristol, passano in secondo piano.



La domanda ancora una volta non è tanto cosa si dicevano i diplomatici russi con il generale Michael Flynn prima che quest'ultimo diventasse consigliere per la sicurezza del presidente Donald Trump.

ARTICOLO COMPLETO - fonte

Commenti

Post popolari in questo blog

Vaccinato vs non vaccinato: Studio di Mawson Homeschooled rivela chi è il malato reale

Non è mai stato fatto prima. È il primo studio nel suo genere su bambini in età prescolare vaccinati e non vaccinati, mostra chi è veramente malato... i genitori si dovrebbero preoccupare seriamente dei risultati... C'è qualcosa che non va nei bambini americani.


ARTICOLO COMPLETO

Immagini della liberazione di Julian Assange dopo 7 anni di prigionia

Ergo, Assange sarà estradato negli Stati Uniti, dove sarà al sicuro, e non in Svezia, dove sarebbe “incidentato”.


ARTICOLO COMPLETO

Era Reiwa – Generali Giapponesi Pronti Ad Agire – Ben Fulford

Gli eventi mostreranno se c’è qualcosa di vero in questo, ma chiaramente, se è vero, il percorso conduce dal Messico al Vaticano e ai Massoni della P2. Quindi vale la pena notare che i Massoni P2 hanno promesso di recente di lavorare con società segrete asiatiche.


ARTICOLO COMPLETO

QAnon 24 Marzo 2019 – Potete Correre Ma Non Potete Nascondervi

QAnon 24 Marzo 2019 – Potete Correre Ma Non Potete Nascondervi. Di Interstellar. Fonte 8Chan. Aggiornato 08:30 UTC MAYday MAYday MAYday La democrazia conta.


ARTICOLO COMPLETO

Declassamento della Umanità, editing dei geni e Superrazza…

“Ad un certo punto il ricercatore spirituale inciampa sempre in un ostacolo. Una forza esterna insidiosa cerca incessantemente di opporsi al progresso spirituale. Tradizionalmente si sono incolpati esseri malevoli, il male, come demoni e diavoli. Quasi tutti i mistici li hanno incontrati.


ARTICOLO COMPLETO