Passa ai contenuti principali

Vuoi cambiare il mondo? Prova con la meditazione.

AlicePopkorn - flickr
Tramite la meditazione si raggiunge uno stato di quiete mentale, e proprio il raggiungimento di tale stato è pienamente meditazione.

Ma come è possibile imporsi, tentare di quietare la mente quando lo stesso principio che 'impone', 'desidera', o 'si sforza' è ... esattamente un processo mentale. Si sposterebbe l'attività mentale da quella di impegnarsi nei soliti, automatici pensieri quotidiani, allo 'sforzo', al 'desiderio' di raggiungere la quiete mentale.

Molte, ottime, tecniche di meditazione ottengono proprio questo, lo spostare il pensiero dai soliti processi di routine a pensieri diversi, e più 'elevati'.
E' un primo passo, ma serve solo a iniziare il distacco dall'identificazione col pensiero.

Non è quindi necessario raggiungere lo stato di mente quieta. 
La mente si quieterà da sola se cesserà la identificazione con essa.

L'osservazione, senza emettere giudizio, dei propri pensieri, causa la de-identificazione con la mente, e il conseguente suo acquietarsi.
Noi siamo la consapevolezza dell'Esistenza, che sta dietro al pensiero. 
La meditazione ci consente quindi di raggiungere una migliore connessione con il nostro Sé più vero.

Questo processo può essere facilitato dalla osservazione del proprio respiro, tecnica antichissima, e dal tornare ad osservarlo senza giudizio ogni volta, e capiterà molto spesso perlomeno all'inizio, che ci si perde nei propri pensieri.
Movimenti adeguati del corpo, quali quelli dello Hata Yoga, e il mantenimento di certe posizioni, possono portare ad uno stato di rilassamento in cui il processo è facilitato.


Certo ... da qui a cambiare il mondo ....

Come spunto a considerare quello che si può ottenere tramite la meditazione, ecco quanto segue.
(L'accento dei media e degli scienziati occidentali è dato unicamente agli aspetti materiali delle due seguenti storie, che, ovviamente, contengono molto di più).

oltre12.net

___

India, non mangia e non beve da 74 anni

<p>India, non mangia e non beve da 74 anni</p>
Prahlad, asceta, sostiene che non mangia e non bene da oltre 70 anni ma che si nutre della "forza della vita spirituale". [...]

Ora [al momento della stesura dell'articolo - 2010] è ricoverato da sei giorni per accertamenti ed esperimenti nell'ospedale Sterling a Ahmedabad in India. Secondo i medici intervistati dalla Cnn l'uomo non presenta segni di disidratazione o di fame nonostante non mangia e beve certamente da sei giorni.
fonte: http://www.style.it/news/le-notizie-del-giorno/2010/04/30/india--non-mangia-e-non-beve-da-74-anni.aspx



Il servizio di Discovery Channel su 'Buddha Boy' (in inglese - attivabili sottotitoli con traduzione automatica in italiano)




Commenti

Post popolari in questo blog

E intanto la grassona continua a cantare…

Un ottimo post da iconicon.it, che offre interessanti punti di vista sulle principali tematiche 'alternative' della rete.  Esorto a tutti di leggerlo, ma consiglio di mantenere un atteggiamento 'positivo' durante la lettura. Infatti se lo scorrerlo causasse i soliti pensieri 'nulla può mai cambiare' o 'piove sempre sul bagnato' che tutti noi abbiamo almeno una volta espresso, l'inevitabile conseguenza sarebbe un atteggiamento rinunciatario e disilluso, che non farebbe altro che portare acqua al mulino di chi, anche diffondendo notizie, non vuole il cambiamento. In tal caso consiglio di non concentrarsi sul 'mondo esterno' ma guardare al proprio interno per espandere la propria consapevolezza, che è poi l'unico vero risultato di tutto questo polverone. Potrebbero essere di ausilio le sezioni 'Il cambiamento' e 'Video' del blog. Ecco il post di iconicon: E intanto la grassona continua a cantare… : In riferiment

Messaggio di Bergoglio al WEF 2024 per il pauperismo globale etico 1di2 - 21 Convinzione-Contradd

Bergoglio ha inviato un messaggio al World Economic Forum 2024 https://ift.tt/p4V9QCc (l’aveva fatto anche nel 2014, nel 2015, nel 2018 e nel 2020). Questa volta Bergoglio ha espresso chiaram Articolo segnalato da oltre12.net LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO

Cesare Sacchetti

Non solo la RAI dà voce al capo del criminale regime nazista di Kiev, ma gli consente persino di trasmettere le sue deliranti minacce contro l'Italia. Zelensky è quello che è, ma molto peggio di lui sono coloro che lo fanno ancora parlare. https://ift.tt/0YgNHVr Articolo segnalato da oltre12.net LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO