Passa ai contenuti principali

Video per 'vedere quello che tutti hanno visto, e pensare quello che nessuno ha pensato'


Il video che segue non dà una indicazione sul perché gli 'squali' (capirete nel video) siano giunti a formulare con tanto impegno, e abilità, questo 'regno degli abissi' fondato sulla falsità e sull'inganno.
Questa 'creazione' è frutto dello stato, definito spesso dualismo o 3D, di separazione, del pensiero di individualità, che inevitabilmente porta a ego, paura con i conseguenti desideri di dominio e 'appropriazione' delle esistenze percepite come esterne. E tutto questo è uno stato di sperimentazione, che, come tutte le creazioni, amplia e aggiunge consapevolezza, all'Essere nel suo complesso.

Verso la fine rende però chiaro che è proprio uscendo dalle logiche e dai metodi degli 'squali', quindi dalla 'prospettiva dualistica', tramite l'ampliamento della percezione di se stessi al di fuori del pensiero di separazione (individuo), che si può porre fine alla loro creazione.


Il video è stato pubblicato da iconicon.it nella versione con sottotitoli italiani.


Commenti

Post popolari in questo blog

E intanto la grassona continua a cantare…

Un ottimo post da iconicon.it, che offre interessanti punti di vista sulle principali tematiche 'alternative' della rete.  Esorto a tutti di leggerlo, ma consiglio di mantenere un atteggiamento 'positivo' durante la lettura. Infatti se lo scorrerlo causasse i soliti pensieri 'nulla può mai cambiare' o 'piove sempre sul bagnato' che tutti noi abbiamo almeno una volta espresso, l'inevitabile conseguenza sarebbe un atteggiamento rinunciatario e disilluso, che non farebbe altro che portare acqua al mulino di chi, anche diffondendo notizie, non vuole il cambiamento. In tal caso consiglio di non concentrarsi sul 'mondo esterno' ma guardare al proprio interno per espandere la propria consapevolezza, che è poi l'unico vero risultato di tutto questo polverone. Potrebbero essere di ausilio le sezioni 'Il cambiamento' e 'Video' del blog. Ecco il post di iconicon: E intanto la grassona continua a cantare… : In riferiment