Passa ai contenuti principali

Citizenfour, la storia di Edward Snowden. Quando la realtà supera la fantasia.



A 29 anni Edward Snowden ha fatto quello che in pochi avrebbero mai fatto.

Il film-documentario, che mostra i filmati inediti dei momenti iniziali che hanno portato alla pubblicazione delle sue rivelazioni sul The Guardian e Washington Post, è uscito in poche sale italiane. Per chi ha la fortuna di averne una vicina, è un must. (Potete cercarlo 'in streaming' su google - link.)

Un film dove la realtà supera decisamente la fantasia, con un finale che lascia pure ben sperare. Consigliatissimo.

Il trailer:


Ecco cosa ne scrive ilfattoquotidiano.

Citizenfour, la Nsa e Snowden: il docufilm sullo spionaggio è un thriller da Oscar.

“Taci, il nemico ti ascolta!”. Il celebre slogan mussoliniano riemerge con ben più inquietudine storico/politica dopo la visione di Citizenfour, il film su Edward Snowden che ha permesso alla regista statunitense Laura Poitras di vincere l’Oscar come miglior documentario proprio a fine febbraio 2015. Opera che, grazie alla distribuzione I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection il pubblico italiano potrà vedere in una trentina di sale dall’Emilia Romagna alla Sardegna, passando per Lazio e Piemonte, da giovedì 16 aprile 2015.

Citizenfour narra, con il ritmo e la suspense di un thriller, la cronaca dell’incontro in un albergo di Hong Kong nel 2013 tra la regista, la “spia” Edward Snowden, e i giornalisti del Guardian Glenn Greenwald ed Ewen MacAskill. In questa lunga otto giorni, sorta di bed-in alla Lennon, il ragazzo rende pubblici documenti altamente riservati che forniscono le prove di una sistematica invasione di privacy operata dall’Nsa (National Security Agency) controllando telefonate, sms e email, ai danni non solo degli americani, ma anche di cittadini e governi di tutto il mondo.[...]

Commenti

Post popolari in questo blog

E intanto la grassona continua a cantare…

Un ottimo post da iconicon.it, che offre interessanti punti di vista sulle principali tematiche 'alternative' della rete.  Esorto a tutti di leggerlo, ma consiglio di mantenere un atteggiamento 'positivo' durante la lettura. Infatti se lo scorrerlo causasse i soliti pensieri 'nulla può mai cambiare' o 'piove sempre sul bagnato' che tutti noi abbiamo almeno una volta espresso, l'inevitabile conseguenza sarebbe un atteggiamento rinunciatario e disilluso, che non farebbe altro che portare acqua al mulino di chi, anche diffondendo notizie, non vuole il cambiamento. In tal caso consiglio di non concentrarsi sul 'mondo esterno' ma guardare al proprio interno per espandere la propria consapevolezza, che è poi l'unico vero risultato di tutto questo polverone. Potrebbero essere di ausilio le sezioni 'Il cambiamento' e 'Video' del blog. Ecco il post di iconicon: E intanto la grassona continua a cantare… : In riferiment