Passa ai contenuti principali

Vivi in una favola. Scegli tu il finale.

Un Signore regnava sui suoi possedimenti, appagato dal benessere e dal potere che queste ricchezze gli davano su chi viveva in essi.
Ma queste ricchezze, con l'andare del tempo, non gli bastavano. Sognava e desiderava di avere sempre più ricchezza e sempre più potere.

Allora gli venne un'idea. Iniziò a spargere la voce che non aveva più il denaro necessario per pagare chi lavorava per lui. Iniziò a dire che alcuni non sarebbero più potuti stare nei suoi possedimenti, che solo i migliori sarebbero potuti rimanere.
La gente, intimorita, iniziò a chiedere sempre di meno al Signore in cambio dei propri servigi, sperando così di poter rimanere nel regno, e a lavorare più a lungo per ottenere in cambio meno.
Uno solo decise di andare ad abitare vicino allo stagno ai confini del regno, in una zona umida, poco attraente, e, si diceva poco fertile, dove iniziò a allevare animali, a coltivare il necessario per vivere, e dopo pochi anni si ritrovò con abbondanza di cibo che poté barattare per avere vestiti e quanto gli servì ad avere una vita prospera,



Ora, scegli tu il finale della storia:
1. La gente del regno si impoverì sempre più, lavorò di più per avere sempre meno. Sempre sotto la minaccia, ben propagandata, del Signore di dover ridurre personale e denaro.

2. Sempre più seguirono quello strano individuo che aveva lasciato i possedimenti del Signore, e capirono che il Signore, senza di essi, era un uomo comune, anzi aveva talmente bisogno di loro da essere lui dipendente da loro, e non viceversa.

oltre12.net


Commenti

Post popolari in questo blog

E intanto la grassona continua a cantare…

Un ottimo post da iconicon.it, che offre interessanti punti di vista sulle principali tematiche 'alternative' della rete.  Esorto a tutti di leggerlo, ma consiglio di mantenere un atteggiamento 'positivo' durante la lettura. Infatti se lo scorrerlo causasse i soliti pensieri 'nulla può mai cambiare' o 'piove sempre sul bagnato' che tutti noi abbiamo almeno una volta espresso, l'inevitabile conseguenza sarebbe un atteggiamento rinunciatario e disilluso, che non farebbe altro che portare acqua al mulino di chi, anche diffondendo notizie, non vuole il cambiamento. In tal caso consiglio di non concentrarsi sul 'mondo esterno' ma guardare al proprio interno per espandere la propria consapevolezza, che è poi l'unico vero risultato di tutto questo polverone. Potrebbero essere di ausilio le sezioni 'Il cambiamento' e 'Video' del blog. Ecco il post di iconicon: E intanto la grassona continua a cantare… : In riferiment