Passa ai contenuti principali

L'enorme livello di corruzione che consente la realizzazione del piano di dominio del pensiero Globalista

Segnalo un articolo, quello che segue, non solo per i dati e le considerazioni a riguardo in esso contenute, ma soprattutto per sottolineare come l'attuazione della agenda di dominio globale del pensiero unico oligarchico, attuata servendosi della p4ndem1a, della narrativa del global warming, gender, divisioni razziali , etniche, ideologiche e tutte le note armi di cui si serve il potere, abbia diffuso, in modo capillare, una corruzione impressionante, che talvolta si nasconde dietro l'erogazione o meno di ingenti capitali negli opportuni ambiti.

È questo che consente di emanare decr4ti sulla base di commissioni che lavorano nel segreto, di controllare gli ordini, gli apparati sanitari e burocratici in generale, le istituzioni, fino ai massimi livelli, e la politica.

Obiettivo della 'Sting Operation' è portare alla luce tutto questo, affinché l'umanità possa scegliere il mondo che la rappresenta.



Le mosse di Trump, la Corte Suprema e un software sospetto

Trump sapeva da tempo che nel 2020 ci sarebbe stata una frode elettorale e che il caso sarebbe finito davanti alla Corte Suprema. Ecco perché ha nominato giudici della Corte Brett Kavanaugh e Amy Coney Barrett, che nel 2000, quando erano entrambi giovani e brillanti avvocati, si occuparono del riconteggio dei voti in Florida nel caso Bush v. Gore. Infatti, Kavanaugh all’epoca lavorò per la campagna di George W. Bush e seguì proprio la vicenda del riconteggio in Florida, e Amy Coney Barrett fornì ricerca e assistenza informativa alla squadra di legali dello studio Baker Botts che rappresentò il presidente Bush.

A ricordare le due nomine decise da Trump è, su LifeSiteNews, Steven Mosher, fondatore e responsabile del Population Research Institute.

La squadra legale di Trump, scrive Mosher, è convinta delle carte in proprio possesso e non mollerà la presa. Se saranno ricontate le schede, si vedrà che Trump ha vinto il secondo mandato. Molteplici le azioni legali promosse sia nei tribunali statali sia davanti alle corti federali per chiedere che le schede elettorali fraudolente e difettose siano eliminate.

Il giudice Samuel Alito ha già ordinato a tutti i consigli elettorali della contea della Pennsylvania di separare i voti arrivati in ritardo. Si tratta di decine o addirittura centinaia di migliaia di voti che, se giudicati irregolari, daranno a Trump i venti voti elettorali dello Stato.

Data la gravità delle questioni in gioco, quasi tutte le cause finiranno davanti alla Corte Suprema, e in un caso è già successo.

L’ultima volta che la Corte Suprema dovette occuparsi di un’elezione fu appunto nel 2000, ma se il caso Bush v. Gore, scrive Mosher, fu un uragano legale di categoria uno, il caso Trump v. Biden sarà di categoria cinque. E nell’occhio del ciclone ci saranno i nove giudici della Corte Suprema, tra i quali Brett Kavanaugh e Amy Coney Barrett, le cui nomine, volute da Trump, appaiono ora in una nuova luce. Non può essere certamente casuale che Trump abbia voluto nel tribunale più alto due avvocati che vissero in prima persona la vicenda Bush v. Gore.

Intanto, intervistata da Fox News, Sidney Powell, ex procuratore federale e ora membro della squadra legale di Trump, ha dichiarato che la frode elettorale ai danni di Trump sarebbe avvenuta anche mediante l’uso di appositi software e il ricorso a un algoritmo utilizzato per calcolare i voti necessari a Biden per vincere in aree specifiche.

“Penso che i software siano stati ampiamente utilizzati, ma non dai contatori di voti. Sono stati usati da agenti democratici che hanno potuto accedere a questi programmi attraverso i punti di accesso del governo. E li hanno usati illegalmente per cambiare i voti”.

“Ci dovrebbe essere un’indagine – ha proseguito Sidney Powell – da parte dei più fidati funzionari dell’intelligence militare del presidente, che possono entrare nel sistema e vedere cosa è stato fatto. Abbiamo alcune prove di quel che è successo. Qualcuno è effettivamente entrato nel sistema e ha cambiato i risultati della votazione”.

Secondo Sidney Powell la squadra legale di Trump ha testimoni “eccellenti” e porterà le accuse in una causa federale. “C’è stato uno sforzo enorme e coordinato per rubare questa elezione a noi, il popolo degli Stati Uniti d’America, per delegittimare e distruggere i voti destinati a Donald Trump, per fabbricare voti per Joe Biden”.

Quando poi la giornalista Maria Bartiromo di Fox News fa notare a Sidney Powell che Nancy Pelosi, democratica, speaker della Camera dei rappresentanti, avrebbe degli interessi nella Dominion Voting Systems, la società produttrice del software incriminato (e c’è poi da segnalare che l’ex capo dello staff di Nancy Pelosi, Nadeam Elshami, fu assunto dalla Dominion come lobbysta) la Powell risponde:  “Ovviamente hanno investito in questo software per motivi personali e lo stanno usando per commettere questa frode, per rubare voti. Penso che abbiano rubato voti anche a candidati democratici, nel loro stesso partito, e questi dovrebbero essere altrettanto indignati da tutto ciò. Bernie Sanders avrebbe potuto benissimo essere il candidato democratico, ma loro hanno rubato voti a chiunque volessero rubarli”.

È interessante notare che i difetti rilevati nei sistemi di conteggio di voto sono andati tutti tutti in una sola direzione: a favore dei Democratici.

Risulta inoltre che il fornitore di tecnologia elettorale Dominion Voting Systems nel 2014 fece cospicue donazioni alla Fondazione Clinton.

Una società, la Dominion Voting System, con una lunga storia di accuse di brogli elettorali e interferenze nelle elezioni di varie nazioni, tra cui il furto di dati nel censimento in India.

A.M.V. 

Fonti:

bitchute.com 

greatgameindia.com

lifesitenews.com

msn.com

***

Sei un lettore di Duc in altum? Ti piace questo blog? Pensi che sia utile? Se vuoi sostenerlo, puoi fare una donazione utilizzando questo IBAN:

IT65V0200805261000400192457

BIC/SWIFT  UNCRITM1B80

Beneficiario: Aldo Maria Valli

Causale: donazione volontaria per blog Duc in altum

Grazie!

Commenti

Post popolari in questo blog

CORPORAZIONE U.S. FALLITA, CON BENEFICIARIO IL POPOLO? B1den presidente inconsapevole, per consentire le procedure fallimentari? Solo fantasie?

Immagini di documenti che si stanno diffondendo in rete portano a considerare come degli individui in carne ed ossa, che si fanno chiamare EL (singolare di Elohim), abbiano aperto cause, che uno di questi documenti mostrerebbe a buon fine, per la messa in bancarotta della C orporazione US, a favore della Repubblica del Popolo americano (USA).  Bid4n presidente inconsapevole di una corporazione mantenuta in vita per la esecuzione delle procedure fallimentari? Quali i documenti a supporto e quali le ipotesi verosimili? ECCO ESPOSTI, PIU' SOTTO, I LINK AI DOCUMENTI UFFICIALI PROTOCOLLATI Vediamo: - La Presidenza della US corporation, come i governi delle altre nazioni, tra cui l'Italia, sono ufficiali preposti a capo delle corrispondenti corporazioni che furono registrate presso la SEC (registro corporazioni US) dalla fine del 1800 ai primi '900 - Sono stati presentati casi di bancarotta, con beneficiario il Popolo, (link ai casi protocollati ufficialmente in fondo all'a

"Giudice Anna Von Reitz". Oltre la finzione: Private Corporazioni di servizi governativi che si propongono come governi.

FONDAMENTALI INFORMAZIONI VENGONO ALLA LUCE Un argomento di estrema attualità , già emerso negli anni scorsi, ma ora, grazie anche alle numerose ricerche e agli approfondimenti ritrovabili in rete proprio in questi giorni, risulta più comprensibile e concreto, anche in vista degli auspicati avvenimenti che potrebbero manifestarsi nel prossimo futuro. I punti principali: - Tutti questi "governi" sono in realtà niente altro che "società di servizi governativi" di proprietà privata gestiti da cartelli bancari internazionali  - La verità è venuta fuori finalmente e definitivamente. Ci sono così tante persone da ringraziare per questo, non saprei citarle .... ma i ratti sono stati completamente e assolutamente esposti. - E la truffa è finita, non è più qualcosa che può essere soppresso e contenuto - 177 nazioni di tutto il mondo hanno riconosciuto che la "federazione degli Stati Uniti", ha agito come un sindacato criminale e che opera in una forma e in un modo

America: "business as usual"? - Tutto come sempre? - NO, L'INTERVENTO COSTITUZIONALE DEI MILITARI E' ATTIVATO - L'opinione di Juan O Savin

Ecco cosa ci racconta Juan O Savin, una delle voci apparentemente più affidabili riguardo alla situazione USA, che, mesi addietro, aveva previsto la militarizzazione di Washington DC e l'innalzamento delle barriere fisiche da parte dei militari. Riassumo: - Il 19/1 sono stati diffusi i rapporti definitivi riguardo alla interferenza straniera nelle elezioni US. Tali rapporti hanno attivato:  1. l'ordine esecutivo 2018 di Trump a tale specifico riguardo,  2. il dovere costituzionale dei militari ad un intervento in caso di guerra cibernetica a difesa della costituzione e dei diritti della gente da essa garantiti. - In particolare dal 20 gennaio, giorno dell'insediamento di Biden solo grazie alla interferenza (guerra cibernetica) di entità esterne, e terminata la possibilità di porvi rimedio con procedure civili, i militari sono stati investiti dal dovere costituzionale di intervento. - Allo stato attuale il 'presidente' Biden NON ha accesso a tutti i poteri, in partic

NON LASCIAMOCI INGANNARE, E PRENDERE INGIRO. La disinformazione mirata di sistema ai massimi livelli.

"La Dea Semiramide, un giorno, prese due pali.  Ad uno affisse la scritta 'Pilastro' e all'altro la scritta 'Colonna'.  E così dominò il  mondo" Anna Von Reitz E' un po' triste vedere come molte persone, avvicinatesi alla informazione alternativa negli ultimi mesi, in particolare grazie alla operazione Q, siano propense a credere, senza filtri, a tutte le informazioni che sembrino in linea con "il Piano". Ed è da immaginare quanto stia ridendo, si stia sarcasticamente divertendo, chi diffonde e pianifica campagne di disinformazione (guerra psicologica), per conto, diretto o mediato, del [DS]. La conseguente dissociazione cognitiva è ai massimi. Ricordate: - Se una cosa è troppo bella per essere vera, molto probabilmente non lo è - Se una cosa accadrà (certamente) tra un paio di settimane, e cambierà il mondo, probabilmente non succederà - Se il mainstream parla di gruppi che credono in cose stravaganti, e fornisce date, molto probabilment

FUORIONDA CON DOTT: PSICOLOGIA DI DRAGHI, CONTE, MONTI, MATTARELLA! LA CABALA HA SOSTITUITO CONTE