Passa ai contenuti principali

Tutorial 3: i conti non tornano. La matematica è una opinione?

" 2+2 = 5 "
(1984, Orwell)

Abbiamo visto, nel Tutorial 1, come, da fonte ufficiale, siano conteggiati i decessi per c0v1d: ogni persona che entra in ospedale e poi muore per qualsiasi altra causa, viene attribuita al cvd in presenza di un unico tampone positivo (anche smentito da successivi tamponi)

Abbiamo visto nel Tutorial 2 come il suddetto v1rus non modifichi in modo misurabile l'aspettativa di vita di chi è soggetto alla malattia.

Vediamo ora una conferma nei numeri ufficiali: Circa 400 decessi (al giorno) non sono conteggiati nei reparti di terapia intensiva (ovvero circa il 70% dei decessi ufficiali). Vediamo i dettagli:


(articolo tratto da aldomariavalli.it - i grassetto sono aggiunti)

Il bollettino annuncia 2687 ricoverati in terapia intensiva con 201 nuovi ingressi nelle ultime 24 ore. Se sottraiamo 201 a 2687, otteniamo 2486. Poiché abbiamo già sottratto i nuovi ingressi, ogni differenza del dato odierno da quello di ieri è da mettere nella voce “uscite”. E poiché, secondo il bollettino di ieri, 21 dicembre, i ricoverati in terapia intensiva erano 2731, le uscite di malati Covid dalla terapia intensiva nelle 24 ore sono state 245 (2731 – 2486).

Il bollettino annuncia però che i morti nelle ultime 24 ore sono… 628, e c’è da chiedersi da dove vengano questi morti, stante che, come s’è visto, dalla terapia intensiva sono uscite 245 persone, e dunque ci sono circa 400 morti di troppo, anche nell’impossibile ipotesi che tutti i 245 pazienti usciti da terapia intensiva nelle 24 ore siano usciti morti.

La domanda è d’obbligo: se non si trovavano in terapia intensiva, dove sono morti quei 400 pazienti, considerato che il Covid non uccide di colpo e che i pazienti gravi di Covid vanno ricoverati in terapia intensiva?

Tutti i giorni sempre (sempre) la stessa gigantesca discrepanza, nascosta nelle pieghe dei numeri dei bollettini, che nessun grande mezzo di informazione evidenzia e che nessun ministro o funzionario o tele-virologo spiega. Chissà se prima o poi avrò una risposta, chissà se gli italiani prima o poi in maggioranza incominceranno a porsi queste domande e a esigere chiarezza.






Bollettino/tutorial del risveglio n.24 di oltre12.net Leggi tutti i bollettini



E' intenzione di questo "Bollettino del risveglio" di oltre12.net , fornire interpretazioni ampiamente documentate, e in senso positivo, agli avvenimenti, visti come segno del risveglio alla verità e alla conseguente realizzazione dello spirito più archètipico dell'umanità.
I riferimenti a quanto scritto sono stati dati, ripetutamente, negli articoli segnalati o originali di questo blog 
#nonpiùpiagnistei

Il Risveglio è
  1. #chiseitu Tu sei molto più di quanto ti è stato raccontato, sei un punto focalizzato di consapevolezza della unica Coscienza.
  2. #coscienza Attraverso Te la Coscienza immagina di essere divisa per poter incrementare la propria consapevolezza di Sé 
  3. #complottooligarchico L'oligarchia esiste, si tratta di qualche migliaio di persone, che dalla notte dei tempi governa il mondo e tacita le opposizioni condizionando i sistemi mediatici, culturali, istituzionali, tanto da influenzare le opinioni di massa ancora prima che ne nascano di dissenzienti
  4. #sistemadeldebito Il sistema finanziario, quello attuale, è stato creato specificatamente come sistema di controllo. Con il gioco delle tre carte e termini e meccanismi finanziari appena al di sopra della capacità di comprensione tecnica delle masse, viene nascosto il fatto che il sistema del debito insanabile, se non compreso, porta alla accettazione di politiche di oppressione e sfruttamento.
  5. #mockingbird I media principali ripetono tutti i giorni, tutte le ore, la propaganda del sistema oligarchico, per formare i tuoi pensieri che poi formeranno la realtà di un sistema efferato, per quanto sia difficile da accettare che tale sia. Con la crescita di consapevolezza è possibile accettare e poi quindi portare alla luce, per poi abbandonarle, tutte le tenebre e la sofferenza di cui il sistema si nutre. 
  6. #allaluce Il mondo come ti è stato raccontato non è il tuo mondo, tu puoi crearne uno che sia la rappresentazione del tuo stato di consapevolezza, ed è solo per questo che ne eri tenuto all'oscuro. Fino a ieri.
E questo è solo l'inizio...




Commenti

Post popolari in questo blog

Il male, che ha perso.

Le parole sono come simboli.  Soprattutto in ambito spirituale, in cui il soggetto della parola è qualcosa di non materiale, possono avere diversi significati per diversi lettori. Utilizzerò qui termini della tradizione cristiana, che dovrebbero avere lo stesso significato per i più. - La realtà della Terra, o meglio la incarnazione umana sulla Terra , non è la norma della creazione. Sebbene è lecito pensare che esistano molti mondi  simili alla Terra, di certo esistono innumerevoli manifestazioni in cui la potenzialità del male (la possibilità del male) non è concretizzata. - La possibilità, anche solo in potenza, del male, pone in essere una potentissimo strumento di creazione. Noi, piccoli e apparentemente insignificanti esseri umani, possiamo scegliere addirittura di creare ciò che non è, ovvero il male (errore di percezione), l'idea di una discrepanza, di un abbandono del reale per l'immaginario in cui erroneamente si travisa l'esistenza di un mondo amorevole, di un

La Primavera Spirituale è adesso. Ed Il Salvatore.

"Similmente, quando il mondo sarà passato per il lungo inverno della mentalità materialista e voi discernerete la venuta della primavera spirituale di una nuova dispensazione, saprete che l’estate di una nuova visitazione si avvicina." (Urantia) La primavera spirituale è adesso. Mai come ora in molti cercano lo spirito, quella parte di verità che non é a noi direttamente disponibile tramite i sensi fisici. Nell'evoluzione che contraddistingue chi sceglie o verrà indotto a scegliere il divino, ci attendono innumerevoli esperienze di Creazione e crescita. pixabay.com "Il Salvatore non esiste" una frase che va di moda. Il Salvatore esiste, ed è il divino dentro di noi. Non E' noi, perché noi percepiamo la nostra persona  come separata. Siamo esseri  individualizzati , che potranno tornare all'Uno, ma non si sono con esso ancora riuniti coscientemente.  Altre personalizzazioni del divino, noi non siamo le sole e uniche!, possono fungere da Salvatore, come i

INCONTRO RAVVICINATO DEL 3º Tipo in VALMALENCO.Cosimo Di Giovanni, Angel...