Passa ai contenuti principali

Più grande è il dolore, più grande è il risultato. Parola di Oligarchia.

È necessario il male per riconoscere il bene, è una convinzione che serpeggia in molto ambienti spirituali.
In realtà la sofferenza non è mai necessaria. È mancanza di allineamento tra Sé e la Persona.

La Oligarchia nel suo stato di separazione dalla propria Essenza ha diffuso e diffonde alcuni concetti non veri, anche attraverso talune correnti di pensiero massoniche, che le trasmettono come 'segreti iniziatici'.

Viene svelato che:
Il vaso rotto va distrutto e ricostruito. Perché non serve più e non svolge più la sua funzione. Ed il vaso viene distrutto con guerre fabbricate, rivoluzioni pilotate, sradicamento culturale e fisico, sofferenza.   
Ma quale funzione esplica il vaso? Quella finalizzata alle sole esigenze della oligarchie.
In verità:
Ogni coccio, anche rotto è esistenza , è valore. Solo nell'Essere c'è Valore, non nella utilità per qualcuno o qualcosa. 


Viene svelato che:
La vittima se si lascia ingannare, è complice della propria oppressione. Questo giustifica le strutture finanziarie basate sul debito che impongono le politiche nazionali, la corruzione dei politici, la falsità dei media pubblici, le stragi di stato, il condizionamento educativo e quant'altro.
In Verità:
Esiste una etica, una morale, che si fonda sul valore dell'esistenza di per se, e non sui falsi valori dello "stato di fatto".


Viene svelato che:
È necessario il male per riconoscere il bene. Convinzione che serpeggia in molto ambienti spirituali.
In Verità:
Questo è vero solo nel dualismo, nella separazione dovuta alla ignoranza e alla dimenticanza di Sé. Stiamo abbandonando questo stato di coscienza.
Il male, che è mancanza,  bisogno, carenza di Bene, non ha quindi una esistenza propria, ne una ragione per esistere.
Lo stato naturale è pienezza, gioia pura completa e consapevole di Sé stessa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Il male, che ha perso.

Le parole sono come simboli.  Soprattutto in ambito spirituale, in cui il soggetto della parola è qualcosa di non materiale, possono avere diversi significati per diversi lettori. Utilizzerò qui termini della tradizione cristiana, che dovrebbero avere lo stesso significato per i più. - La realtà della Terra, o meglio la incarnazione umana sulla Terra , non è la norma della creazione. Sebbene è lecito pensare che esistano molti mondi  simili alla Terra, di certo esistono innumerevoli manifestazioni in cui la potenzialità del male (la possibilità del male) non è concretizzata. - La possibilità, anche solo in potenza, del male, pone in essere una potentissimo strumento di creazione. Noi, piccoli e apparentemente insignificanti esseri umani, possiamo scegliere addirittura di creare ciò che non è, ovvero il male (errore di percezione), l'idea di una discrepanza, di un abbandono del reale per l'immaginario in cui erroneamente si travisa l'esistenza di un mondo amorevole, di un

La Primavera Spirituale è adesso. Ed Il Salvatore.

"Similmente, quando il mondo sarà passato per il lungo inverno della mentalità materialista e voi discernerete la venuta della primavera spirituale di una nuova dispensazione, saprete che l’estate di una nuova visitazione si avvicina." (Urantia) La primavera spirituale è adesso. Mai come ora in molti cercano lo spirito, quella parte di verità che non é a noi direttamente disponibile tramite i sensi fisici. Nell'evoluzione che contraddistingue chi sceglie o verrà indotto a scegliere il divino, ci attendono innumerevoli esperienze di Creazione e crescita. pixabay.com "Il Salvatore non esiste" una frase che va di moda. Il Salvatore esiste, ed è il divino dentro di noi. Non E' noi, perché noi percepiamo la nostra persona  come separata. Siamo esseri  individualizzati , che potranno tornare all'Uno, ma non si sono con esso ancora riuniti coscientemente.  Altre personalizzazioni del divino, noi non siamo le sole e uniche!, possono fungere da Salvatore, come i

INCONTRO RAVVICINATO DEL 3º Tipo in VALMALENCO.Cosimo Di Giovanni, Angel...