Passa ai contenuti principali

Stato degli Affari: Homo Governabilis

Eclissi totale di Luna

Quali caratteristiche rendono l'uomo governabile?

- la necessità di collaborazione sociale per la sopravvivenza
- la proiezione esterna dei meccanismi psicologici legati alla immagine di se, all'ego e alla percezione della separazione dall' "altro".
- un limitata consapevolezza della realtà

Fintanto che queste caratteristiche rimarranno immutate, tutto cambierà perché nulla cambi.
Tanto più che c'è chi afferma che l'umanità è stata creata specificatamente per essere 'usata' e 'governata' per secondi fini.


Si parla molto di risveglio e cambio energetico, fatti già ben visibili per una minoranza.
Ma quando la vita di tutti i nostri giorni ne sarà concretamente influenzata?
Certo, una singola persona può istantaneamente cambiare il mondo cambiando il proprio stato di percezione verso la percezione dell'Unità del Tutto, ma quando, e lo sa fare, si mette in empatia con il resto dell'umanità percepisce lo stato collettivo di esistenza all'interno del velo dell'illusione.

Stanti così le cose la "realtà quotidiana" cambierà solo se la Elite deciderà che sarà il momento di cambiarla. Ci sono i segni, ma il cambiamento dell'Elite avviene solo all'interno della ben precisa idea di governo che la contraddistingue, e che è la (percepita) realtà attuale.


Perché le cose cambino realmente si deve diffondere la consapevolezza che:

- L'Elite, nelle decisioni che di fatto creano la percezione della realtà, pur utilizzando una varietà di "agenti" e di forze contrapposte, è una e si muove in una precisa direzione. E' organizzata, strutturata e nascosta ai "non iniziati" in modo voluto e sapiente.

- L'Elite riesce (e sul perché ci sarebbe da dire) a pianificare la sue 'creazioni' (in termini di gestione del comportamento delle società umane) ben oltre una generazione.
Se una generazione è cresciuta in un ambiente culturale che non accetta quanto dall'Elite pianificato, nessun problema, si inizierà a pianificarne l'accettazione nei confronti delle nuove generazioni. L'uomo nasce ingenuo, innocente e senza conoscenza della realtà fisica. Media, istruzione e specifici canali rivolti ai giovani (che spesso vengono ignorati o non compresi dagli 'adulti') servono allo scopo. Ne sono esempi (e mi astengo dal giudizio, ma sottolineo l'uso fatto dall'Elite), la cultura gender, non accettata dalla maggioranza delle vecchie generazioni ma che è di fatto seminata nelle nuove, e lo sradicamento da tempo in atto delle culture locali, delle tradizioni che comunque fungono da zavorra alla semina di un "nuovo" uomo, anche attraverso lo spostamento fisico di popoli.

- L'Elite divide e impera. Sono sotto gli occhi di chi sa osservare le molteplici, certosine azioni, anche nella internet "non allineata", per creare contrapposizione, distrazione e disorganizzazione.

- L'Elite crea, con grande capacità, una visione della realtà finalizzata al raggiungimento di precisi scopi. E mantiene in tal modo l'umanità in quello stato di consapevolezza, citato all'inizio, che la rende governabile.


Per una manifestazione del cambiamento, se accadrà, dovrà accadere che la (ben nota) massa critica si organizzi, e crei le strutture sociali alternative, decentralizzate, adatte al nuovo stato di consapevolezza, che sono in massima parte ancora da esplorare. E la consapevolezza delle persone dovrà essere pronta ad accoglierle, abbandonando la paura che fa accettare, e difendere, gli "stati di comodo", peraltro sempre meno "comodi".

Ancora una volta sarà lo stato di consapevolezza dell'umanità stessa che infine deciderà se un giorno potremo affermare:
Tutto cambia perché qualcosa cambi.

Articolo di oltre12.net





Commenti

Post popolari in questo blog

E intanto la grassona continua a cantare…

Un ottimo post da iconicon.it, che offre interessanti punti di vista sulle principali tematiche 'alternative' della rete.  Esorto a tutti di leggerlo, ma consiglio di mantenere un atteggiamento 'positivo' durante la lettura. Infatti se lo scorrerlo causasse i soliti pensieri 'nulla può mai cambiare' o 'piove sempre sul bagnato' che tutti noi abbiamo almeno una volta espresso, l'inevitabile conseguenza sarebbe un atteggiamento rinunciatario e disilluso, che non farebbe altro che portare acqua al mulino di chi, anche diffondendo notizie, non vuole il cambiamento. In tal caso consiglio di non concentrarsi sul 'mondo esterno' ma guardare al proprio interno per espandere la propria consapevolezza, che è poi l'unico vero risultato di tutto questo polverone. Potrebbero essere di ausilio le sezioni 'Il cambiamento' e 'Video' del blog. Ecco il post di iconicon: E intanto la grassona continua a cantare… : In riferiment

Asaf in Chaos Mega

Siamo al mutare della marea? Il mainstream mette in stato di accusa mediatica l'ex Presidente del World Economic Forum (WEF), Klaus Schwab, uno dei maggiori responsabili delle politiche che stanno distruggendo i Paesi da qualche anno a questa parte. Anche le destre si rafforzano cambiando gli equilibri all'interno dell'UE, mentre le attese guardano alla Casa Bianca. https://ift.tt/TfZw70L Le radici del male da Malthus a Bergoglio. Quando il genere umano non è perfettibile 👉 QUI L’ULTIMO ANTICRISTO: Identikit dell’uomo più diabolico della storia, 2a Edizione ampliata, 👉 QUI Sovranità, debito e moneta. Dal Quantum Financial System al Nuovo Ordine Multipolare 👉 QUI Seguici su 👉 https://t.me/chaosmega Articolo segnalato da oltre12.net LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO

Scacco matto di Trump: così controlla Biden ed il deep state - Gianmarco Landi

QUESTO VIDEO E' STATO CENSURATO DA YOUTUBE - evidentemente conteneva informazioni o opinioni che non possono essere divulgate ... in poche parole, il video descriveva il prossimo ritorno di Trump ai pieni poteri, in piena volontà di smantellamento del Deep State delle Elite globaliste autocratiche, poteri che non sarebbero pienamente in carico all'attuale Presidente Biden, a causa di un Ordine Esecutivo che, in caso di intromissione negli affari interni da parte di entità estere (nelle elezioni in particolari) consentirebbe alle agenzie governative di mantenere alcuni poteri (che non sarebbero in carico quindi al perspicace e lucido Biden...) l' attentato a Donald Trump conferma il panico che il deep state americano sta vivendo in vista delle elezioni. Questa intervista a Gianmarco Landi spiega il perché: Trump ha messo Biden e i globalisti in una trappola ben congegnata e si appresta a distruggere il deep state americano. Per sostener Articolo segnalato da oltre12.net

La Corte Suprema degli Usa distrugge il deep state - Gianmarco Landi