Passa ai contenuti principali

Mehran Keshe: Un netto cambiamento degli equilibri internazionali è avvenuto nella ultime settimane di settembre

Che qualcosa si stia concretizzando, nell'ambito della fase di cambiamento a cui il nostro blog è dedicato, lo si può percepire dal tono delle notizie che nei blog 'non ufficiali' continuano a rimbalzare. 
Faremo un resoconto a breve di quanto viene riportato dai blog di oltre oceano, che parlano di movimenti di truppe, impegni annullati da parte di quasi tutti i principali politici americani, indagini (e forse arresto) su uno dei principali personaggi della finanza mondiale.

Teniamo a precisare che tutte queste informazioni sono certamente inquinate dalla contro informazione organizzata, che è un potente strumento in mano a chi, del cambiamento, non vuole saperne.

Ci pare interessante comunque che una conferma al riguardo venga da chi, Keshe, non proviene strettamente dall'ambito 'alternativo', anche se, se le sue scoperte dovessero trovare conferma, del cambiamento sarebbe certamente uno dei protagonisti.
Per ulteriori informazioni sulla tecnologia Keshe potete leggere questi nostri articoli LINK.

Ecco solo alcune frasi dall'articolo di iconicon.it:

Straordinarie sono alcune rivelazioni emerse durante l’intervista riguardo ai retroscena internazionali attualmente in atto: Keshe, che appare per la sua posizione a conoscenza di dinamiche agli alti livelli del potere, dichiara per esempio in un passaggio che un netto cambiamento degli equilibri internazionali è avvenuto nella settimana precedente all’intervista, ossia dal 16 al 23 settembre, e aggiunge che nei prossimi tre mesi l’ONU sarà soggetto ad un grande cambiamento in senso riformatore. 
Straordinaria è poi la descrizione delle conseguenze avute dalle precedenti presentazioni delle tecnologie e delle loro applicazioni aerospaziali, che hanno fatto esclamare importanti personaggi del complesso governativo-militare-industriale americano “da questo momento le regole del gioco nei programmi spaziali sono cambiate”

Ecco l'articolo completo:

INTERVISTA ESCLUSIVA a M.T. Keshe: il Video:
Finalmente, dopo qualche giorno di ritardo per motivi tecnici, il video della straordinaria intervista che ICONICON ha potuto fare a Mehran T Keshe nella sede dell’omonima fondazione a Ninove, in Belgio, il 24 Settembre scorso.
Possiamo dire con orgoglio di essere stati il primo canale di diffusione di notizie indipendente ad avere un contatto diretto con la realtà tecnologica che promette di rivoluzionare i più importanti e strategici ambiti della nostra vita quotidiana, proiettandoci in un futuro ora letteralmente inimmaginabile: produzione di free energy, trasporti urbani, planetari ed interplanetari, guarigione dalle principali malattie, soluzione ai problemi della fame nel mondo, nuovi materiali per l’industria ed tanto altro ancora da decretare chiaramente la fine della dipendenza dal petrolio e persino da quelle che vengono attualmente definite fonti energetiche alternative, che appaiono inefficienti ed obsolete al confronto. E tutto questo nel totale silenzio degli organi di stampa del nostro paese, occupati a diffondere notizie meno che marginali.
L’ing. Keshe ha accolto con grande disponibilità il nostro mission team, di cui abbiamo già parlato in questo post, ed ha risposto a tutte le domande dell’intervistatore, l’ingegnere aerospaziale Ciro Pirone.

Keshe stesso ci ha confermato che l’Italia ha partecipato alla presentazione delle tecnologie alle ambasciate dei vari paesi svoltasi il 6 Settembre scorso, ed abbiamo potuto appurare che fondamentale è stata la pressione dei cittadini italiani nei confronti della propria ambasciata a Bruxelles, effettuata con un massiccio invio di email come suggerito dall’appello partito proprio da queste pagine.

Se l’Italia avrà una parte in questa vicenda, sarà nostra grande soddisfazione sapere di avere anche minimamente dato aiuto al positivo svolgersi dei fatti, nel totale disinteresse del sistema che dovrebbe al contrario tutelare la vita dei propri cittadini, il loro benessere autentico ed il loro progresso materiale, tecnologico e culturale.

Straordinarie sono alcune rivelazioni emerse durante l’intervista riguardo ai retroscena internazionali attualmente in atto: Keshe, che appare per la sua posizione a conoscenza di dinamiche agli alti livelli del potere, dichiara per esempio in un passaggio che un netto cambiamento degli equilibri internazionali è avvenuto nella settimana precedente all’intervista, ossia dal 16 al 23 settembre, e aggiunge che nei prossimi tre mesi l’ONU sarà soggetto ad un grande cambiamento in senso riformatore.

Straordinaria è poi la descrizione delle conseguenze avute dalle precedenti presentazioni delle tecnologie e delle loro applicazioni aerospaziali, che hanno fatto esclamare importanti personaggi del complesso governativo-militare-industriale americano “da questo momento le regole del gioco nei programmi spaziali sono cambiate”, mentre altrettanto rivelatrice, anche se intuibile, è la notizia che l’operato della Fondazione è sotto osservazione 24 ore su 24 da parte di polizia e intelligence.

Addirittura incredibile è poi quanto dice a proposito della potenza dei generatori antigravità, che con dimensioni di pochi decimetri possono sollevare centinaia di tonnellate e creare scudi magnetici impermeabili a radiazioni ed agenti esterni.

L’intervistatore, considerata la posta in gioco in merito all’implementazione di tecnologie del genere, ha poi, a microfoni spenti, giudicato con estrema prudenza quanto emerso, poiché lo stacco con la nostra realtà attuale sarebbe davvero abissale e fondamentale è per l’umanità riporre le proprie speranze su qualcosa che giunga davvero a compimento e vada quindi a vantaggio della gente, innalzando gli standard di vita al livello autentico che i conseguimenti scientifici e tecnologici potrebbero ora consentire.

La chiave di tutto questo sembrerebbe essere l’andamento dello scenario internazionale, che in questi giorni, per non dire ore, è denso di interrogativi, ma anche di possibilità insperate per la costruzione di una pace planetaria.

Quindi giudicate in ogni caso voi stessi quanto attendibile, convincente o ispirato appare Mehran T. Keshe nelle sue risposte. Chi meglio di ognuno di voi può formarsi un giudizio in merito, basandosi sulle proprie sensazioni istintive?

In ogni caso questa è senza ombra di dubbio una intervista molto importante e che non delude le aspettative, che proponiamo ora al pubblico anglofono nella versione originale, mentre è in corso di doppiaggio la versione italiana per maggiore diffusione nel nostro paese.

Buona visione.
Jervé

Commenti

Post popolari in questo blog

RENDETELO VIRALE - Banca d'Inghilterra: "i soldi non sono rappresentazione su carta di beni 'reali', ma sono cambiali universalmente riconosciute, vengono creati nella loro maggioranza dalle Banche Commerciali nell'atto di fare prestiti."

'Si dice che negli anni 30 Henry Ford avesse commentato come fosse una buona cosa che la maggior parte degli Americani non sapesse come funziona il sistema bancario, perché, se lo avessero saputo, "ci sarebbe stata una rivoluzione prima di domani mattina"'
E' importante sottolineare e diffondere i punti fermi nella evoluzione della comprensione delle basi dell'attuale 'sistema', in particolare economico, specie se questi punti fermi vengono da dentro il sistema stesso, nella fattispecie dal bollettino ufficiale per il primo trimestre 2014 della Banca D'Inghilterra, ripreso e commentato dal quotidiano 'The Guardian', che ci fornisce ottime chiavi di interpretazione che consiglio di leggere fino in fondo.

Sono questi momenti, come la pubblicazione di questo resoconto da parte di un organo ufficiale, momenti topici, in cui la chiave di interpretazione della realtà (o quantomeno della realtà percepita come tale) viene allo scoperto. Il fatto che…

Tutto quello a cui è consentito esistere fa parte del Sistema

Lo disse qualcuno
Tutto quello a cui è consentito esistere fa parte del Sistema La maggior parte di tutto ciò che è organizzato o istituzionale è quindi derivato dal Sistema.
Un unico sistema che finge di essere molti.
Anche la maggior parte di quello che crediamo di pensare o delle nostre convinzioni fanno parte del Sistema.

Ricordiamo comunque che il sistema è falso. Si basa sulla falsità e sull'occultamento, e la Verità di ognuno di noi, che è la Verità del Tutto, è al di la e al di sopra del Sistema, proprio perché Vera, anziché Falsa.

Il Sistema, per esistere, deve essere innanzitutto un sistema di occultamento.
Aprite la cortina. Fate le vostre indagini. Dentro e fuori.
oltre12.net

Resistere al potere – Michele Putrino

Grazie a voi abbiamo costruito il primo studio, a Milano. Ci vorrà un po’ di rodaggio, ma già da subito siamo operativi e iniziamo a trasmettere. Vogliamo costruire la nuova informazione: l’alternativa al mainstream, ma soprattutto una tv che sia dei cittadini.


ARTICOLO COMPLETO

Qanon. Come fa la persona media, che e' sempre sotto costante stress finanziario (come da disegno), a trovare il tempo di ricercare e distinguere i fatti dalla finzione?

3613 Cosa succede quando il 90% dei Media e' controllato/posseduto da (6) Corporazioni? Q!!mG7VJxZNCI21 Nov 2019 - 11:00:19 PM Cosa succede quando il 90% dei Media e' controllato/posseduto da (6) Corporazioni?
Cosa succede quando quelle stesse corporazioni sono operate e controllate da un' ideologia politica?
Cosa succede quando le notizie non sono piu' prive di distorsioni?
Cosa succede quando le notizie non sono piu' affidabili e indipendenti?
Cosa succede quando non ci si puo' piu' fidare delle notizie?
Cosa succede quando le notizie diventano semplicemente un'estensione/arma di un partito politico?
Il fatto diventa finzione?
La finzione diventa fatto?
Quand'e' che le notizie diventano propaganda?
Creazione d'identita'?
Come fa la persona media, che e' sempre sotto costante stress finanziario (come da disegno), a trovare il tempo di ricercare e distinguere i fatti dalla finzione?
La maggior parte delle persone sono inclini a credere a qualcuno …

#TgTalk 17 – CensuRAI – 26.11.2019

Grazie a voi abbiamo costruito il primo studio, a Milano. Ci vorrà un po’ di rodaggio, ma già da subito siamo operativi e iniziamo a trasmettere. Vogliamo costruire la nuova informazione: l’alternativa al mainstream, ma soprattutto una tv che sia dei cittadini.


ARTICOLO COMPLETO